29 November 2022

Monografia Namibia

La Monografia Namibia “Emozione Autentica” realizzata da Travel Quotidiano presenta le attrattive turistiche del Paese, insieme all’ente del turismo della Namibia e aggiorna sui voli aerei operati dalla compagnia aerea Air Namibia.

All’interno della Monografia Namibia una presentazione della storia del Paese, delle sue etnie (boscimani, owambo, herero, himba, kavango, damara, nama, capriviani), delle principali attrattive turistiche e dei parchi più importanti (Windhoek, Luderitz, Swakopmund, Skeleton Coast Park, Cape Cross, Sandwich Bay, deserto del Namib, Keetmanshoop, Fish River Canyon, Namib Naukluft Park, Kolmanskop, Deadvlei, Etosha national Park, fattoria Otjihaenamaparero, Popa Falls, cascate Vittoria, regioni Caprivi, Kaokoland, Owamoland).

 

 

 


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434922 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_403687" align="alignleft" width="300"] La Norwegian Prima. Nave di debutto dell'omonima classe che ha iniziato le operazioni agli inizi dello scorso settembre[/caption] Cambia il ritmo di consegna delle navi di classe Prima, che inizialmente prevedeva l'arrivo di una nuova unità all'anno. Dopo i rinvii delle prime due navi, la Prima e la Viva, continuano infatti i problemi della catena di forniture per gli stabilimenti Fincantieri, a cui è in carico la costruzione di sei unità Ncl. Una criticità che ha peraltro coinvolto recentemente anche la Explora I, unità di debutto del brand luxury di casa Msc, in fase di costruzione a Monfalcone. Il calendario originario delle Prima stimava quindi un arrivo all'anno dal 2022 al 2027. A fronte della questione forniture, la consegna prevista nel 2024 è stata invece spostata all'anno successivo, con due debutti a questo punto calendarizzati per il 2026 e uno nel 2027. Ncl ha peraltro comunicato che i progetti delle nuove navi potrebbero essere modificati, per rendere le unità ancora più ambientalmente sostenibili. Se così dovesse essere non si escludono però ulteriori ritardi nelle consegne. Al contrario di altre grandi compagnie di crociere, Ncl ha deciso di non alimentare le proprie prima due unità di classe Prima a gas naturale liquefatto (gnl). Ha per contro dato il via a una serie di test per carburanti biologici, firmando un accordo con la Man Energy Solutions lo scorso ottobre al fine di valutare la possibilità di convertire i motori delle navi già operative all'utilizzo del metanolo, oltre che del diesel [post_title] => Problemi alla catena di forniture: rivisto il calendario delle consegne delle prossime navi Ncl [post_date] => 2022-11-28T12:07:02+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669637222000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434787 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_434788" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Christian Catiello, Gabriele Burgio e Tommaso Bertini. Sopra il nuovo logo Alpitour World[/caption] Il gabbiano che rappresenta i 75 anni di storia della compagnia, armonicamente inserito nelle pieghe del simbolo dell'infinito. "Infinito come le infinite emozioni di una vacanza; infinito come il nostro infinito amore per il mondo; e infinito come l'infinito impegno dei nostri team".  Così Tommaso Bertini descrive la nuova immagine di Alpitour World recentemente presentata a Milano insieme al neonato sito corporate, che intende raccogliere tutte le molteplici anime della compagnia. "In fondo - prosegue l'head of corporate & tour operating marketing della compagnia - l'unica costante in natura è proprio il cambiamento. Solo così un'azienda come la nostra può continuare a prosperare e ad avere successo". Un'evoluzione che oggi si basa su tre pilastri fondamentali, quasi specchio della Trevolution lanciata poco più di un anno fa per riorganizzare i brand del tour operating della compagnia: "In primis abbiamo la tecnologia - racconta il managing director organization Alpitour, Christian Catiello -: con il progetto inNova abbiamo investito 50 milioni di euro in tre anni e dall'anno prossimo il nostro team It sarà composto da 135 risorse, per una crescita di circa il 50% rispetto a oggi. Poi c'è il tema della sostenibilità, su cui ci impegniamo da tempo e che recentemente ha tra l'altro per esempio visto l'introduzione dei saponi solidi all'interno delle nostre strutture ricettive, mentre la flotta Neos è la più giovane d'Europa, garantendoci così sensibili risparmi sui consumi di carburante. Infine, ma non per ultime, ci sono le persone. Proprio in questi giorni la rivista Forbes ci ha posizionato all'ottavo posto in Italia tra le aziende migliori in cui lavorare e siamo stati inclusi nella top 300 del Vecchio continente: un risultato che ci riempie d'orgoglio e che credo sia il frutto della nostra attenzione verso la formazione, la crescita e le esigenze personali". "Le difficoltà di questi anni ci hanno portato a riflettere a lungo e profondamente - conclude il presidente e ceo di Alpitour World, Gabriele Burgio -. Abbiamo quindi semplificato la nostra proposta di prodotto con la Trevolution; siamo riusciti a rifinanziare un'azienda che durante la pandemia perdeva il 75% del proprio fatturato; abbiamo puntato sull'innovazione e abbiamo continuato lungo percorsi che avevamo intrapreso già prima della pandemia. Ora abbiamo una macchina più snella, in grado di gestire migliaia di transazioni al giorno con una velocità prima impensabili. Un'efficienza che tra le altre cose dà alle nostre risorse umane la possibilità di impegnarsi in attività a maggiore valore aggiunto. L'azienda insomma è cambiata molto. Abbiamo quindi ritenuto naturale mutarne anche l'identità visiva. Ma tutto ciò ovviamente non può e non deve essere un punto d'arrivo, bensì l'inizio e il continuo di un percorso verso una sempre maggiore flessibilità".   [post_title] => Alpitour World cambia immagine e affianca l'infinito allo storico gabbiano della compagnia [post_date] => 2022-11-25T09:05:41+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367141000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Che sia l’Africa dei safari nella natura selvaggia, oppure quella dei deserti e dei paesaggi senza limiti o ancora dei riti tribali e delle genti, da ben 50 anni African Explorer è punto di riferimento in Italia per i viaggi con mete in 16 Paesi su tutto il continente. Per celebrare questo traguardo, l'operatore milanese intende condurre i viaggiatori alla scoperta di Tanzania e Namibia per il prossimo Capodanno, con ben tre proposte che prevedono sconti fino a mille euro a coppia. Tanzania Explorer: sette giorni di safari nella terra dei grandi parchi (27 dicembre - 5 gennaio) Tour in fuoristrada con tettuccio apribile attraverso i più bei parchi del Nord della Tanzania: i territori di Lake Manyara e dei grandi parchi nazionali Serengeti, Ngorongoro e Tarangire. Partenze da Roma e Milano, sette notti con trattamento pensione completa in campi tendati e lodge di categoria superior, tutti inseriti armoniosamente nell’ambiente. Guida italiano/inglese per tutto il periodo. Namibia Explorer e Namibia Freedom: scegli la tua Namibia (27 dicembre - 8 gennaio) Comunque si decida di attraversare la Namibia, i pacchetti Freedom ed Explorer permetteranno di vivere ed esplorare un paese estremamente complesso. Il pacchetto Namibia Explorer prevede un tour in veicolo 4x4 con guida in lingua italiana e trattamento pensione completa, mentre il pacchetto Namibia Freedom propone una formula più agile fly & drive con noleggio di una vettura 4x4 per spostarsi in autonomia. Dai deserti del Namib e del Kalahari, alla fascia costiera di Cape Cross e Sandwich Harbour e ai paesaggi del Damaraland disseminati di incisioni rupestri tra le più antiche al mondo, la Namibia è una tavolozza di colori ed esperienze sempre intense e prive di sfumature. [post_title] => African Explorer festeggia il proprio Giubileo con tre proposte speciali per un Capodanno in Tanzania e in Namibia [post_date] => 2022-11-04T10:10:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667556645000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433149 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finale Ligure nel 2022 ha scelto di presentarsi attraverso la campagna di comunicazione “My Perfect Place”, che ha messo al centro le persone finalesi e le loro storie. Un mensile online, un progetto fotografico e una web serie sono i tre strumenti principali della campagna corale della destinazione turistica. Attraverso le storie di persone vere, impegnate nella cura e nelle azioni rivolte alla tutela del patrimonio, del paesaggio, dell’ambiente e del territorio, Finale ha voluto affermare così il valore intrinseco al proprio prodotto turistico Nel progetto “Persone”, 30 scatti del fotografo Corrado Murlo, specializzato in ritratti e fotografia documentaristica e creativa, raccontano altrettante storie finalesi, per far emergere un’immagine a tratti inconsueta delle persone e del loro legame con il territorio. Ne è scaturita una mostra fotografica, reale, durante tutta la scorsa estate nei Chiostri di Santa Caterina, e virtuale, sempre visibile sul sito web VisitFinaleLigure.it. Agli scatti fotografici si collegano le storie dei protagonisti, pubblicate ogni mese sulla testata online “My Perfect Place”, ma anche la web serie “The Perfect Place”, realizzata da Artescienza per la regia di Samuele Wurtz, di cui si è appena conclusa la prima stagione. La campagna low-budget, che si è articolata principalmente su canali digital, ha saputo raggiungere obiettivi importanti. Sono sicuramente significativi i dati della comunicazione digitale, con la newsletter “My Perfect Place” che registra una media di apertura del 48.9%, il profilo Instagram Visit Finale che ha segnato un incremento del 2.153% nella copertura dei posti e del + 31% nelle visite e la pagina Facebook che ha conquistato +1.146% in copertura, + 417% in like e + 158% in visite. A curare la campagna “My Perfect Place”, commissionata dal Comune di Finale Ligure, è stata l’agenzia di comunicazione savonese Studiowiki, associata a UNA – Aziende della Comunicazione Unite e membro di DE.DE – Destination Design, la rete di imprese assegnataria del servizio di gestione turistica della destinazione Finale Ligure.   [post_title] => Finale Ligure, con My Perfect Place le storie e i volti protagonisti della promozione [post_date] => 2022-10-29T10:24:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667039067000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433215 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riparte il turismo e, con esso, la voglia di shopping tourism in Italia, con Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito tra i principali mercati internazionali per l’incoming del nostro Paese e una spesa media pro-capite giornaliera di 100 euro. È la fotografia scattata da Risposte Turismo e presentata oggi a Venezia nell’ambito della tappa inaugurale di Shopping Tourism – il forum italiano, appuntamento dedicato agli operatori dello shopping ideato dalla stessa Risposte Turismo e organizzato quest’anno in partnership con il sistema Confcommercio e con Mastercard e Land of Fashion Villages main sponsor. La nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor contiene quindi un’inedita indagine su un campione rappresentativo di 300 turisti stranieri (provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito), di cui la metà viaggiatori che hanno nello shopping la motivazione prevalente del viaggio. E tra i fattori che influenzano maggiormente la scelta della destinazione spiccano, dopo sconti, saldi e promozioni (60%), l’offerta commerciale della destinazione (34%), i servizi a disposizione (trasporti ma anche app dedicate e mappe, 32%), la vicinanza ad attrazione / luoghi da visitare (29%) e la presenza di produzioni tipiche/prodotti particolari o unici (27%). Tra le prime città menzionate quali mete in cui si sono realizzati i viaggi per shopping figura poi Milano assieme a Londra, New York e Parigi, mentre nelle città top of mind si inseriscono, oltre alle appena citate, anche Los Angeles, Barcellona, Madrid e Roma. Della parte del campione di intervistati riferita a chi dichiara di non aver mai viaggiato con lo shopping quale motivazione principale, il 14% ha indicato nel fare acquisti una delle attività prevalenti nel corso del soggiorno, dimostrando dunque la forza generale del binomio turismo e shopping tra la domanda. Focus Venezia Da un’ulteriore indagine effettuata su oltre 80 negozi a Venezia, tre clienti su quattro sono turisti e i livelli di vendita a fine anno saranno molto simili a quelli del 2019. Tra i viaggiatori stranieri maggiormente presenti nei negozi in città prevalgono gli statunitensi (32%), seguiti da francesi (25%), tedeschi (22%) e inglesi (8%). Inoltre, circa un terzo dei negozi intervistati sottolinea come, rispetto al 2019, le abitudini del turista siano cambiate: oggi si richiedono prodotti originali o personalizzati creati da artigiani locali e si vuole vivere nuove esperienze come quella di incontrare i produttori, così come si cerca l’ottimizzazione delle spedizioni di acquisti nei luoghi di vendita, sebbene una parte della clientela turistica esprima oggi un minore potere d’acquisto. Per quanto riguarda quindi le vendite ai turisti, nove negozianti su dieci sottolineano ottime prospettive per il 2023. Pur con un 64% di negozi che dispone di servizio e-commerce (prevalentemente tramite proprio sito), oltre sei su dieci puntano ancora sulla vendita in negozio. «Lo shopping tourism in Italia beneficia della ripresa dei viaggi, anche internazionali, con vantaggi per l’offerta commerciale delle destinazioni così come per altre componenti dei sistemi economici locali - ha sottolineato Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. Per sfruttare questa opportunità, gli operatori dovranno dimostrare di essere aggiornati e sensibili rispetto alle richieste e preferenze dei turisti, in particolare di quelli che si muovono proprio per fare acquisti nelle destinazioni visitate, e si aspettano di poter acquisire valore, in termini di conoscenza, informazioni, intrattenimento, dall’esperienza che vivranno. I primi risultati dello Shopping Tourism Italian Monitor hanno evidenziato come, in particolare nelle città meta di consistenti flussi turistici, i titolari di punti vendita, non solo quelli appartenenti a catene e grandi marchi, si stiano attrezzando al meglio per rispondere a queste richieste. Serve però uno sforzo in più, come sistema-destinazione, per inquadrare meglio questo fenomeno, comprenderne le potenzialità e adattare l’intera offerta ricettiva a questo segmento di domanda in crescita». [post_title] => Risposte Turismo: Milano meta preferita dello shopping tourism insieme a Londra, Parigi e New York [post_date] => 2022-10-28T13:21:29+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666963289000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431763 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono più di 14 mila i ragazzi e le ragazze che, in vacanza nelle strutture Bravo, questa estate hanno avuto la possibilità di coltivare le proprie passioni e di liberare il proprio talento nascosto. Con le Bravo Special Academy House of Talent, infatti, gli ospiti più giovani (9-14 anni) del brand di villaggi di Alpitour World hanno potuto intrattenersi con dei workshop di attività di ogni genere: tra lezioni di musica, di fotografia, di radio e di recitazione, non sono mancate nemmeno academy di TikTok e di street art. Molto apprezzata è stata l’opportunità di confrontarsi in prima persona con la crew di influencer di House of Talent, presente nelle strutture Bravo Alimini, Bravo Fantazia Resort e Bravo Viva Dominicus Beach. I numerosi partecipanti alle academy hanno potuto anche partecipare al casting Join the crew, ovvero le selezioni per entrare a far parte di House of Talent. Sono arrivate ben 500 candidature, e tra esse sono stati selezionati otto talentuosi ragazzi. Di questi, solo quattro verranno invitati a Milano nel mese di ottobre per un’ultima selezione, e soltanto una persona potrà coronare il suo sogno: diventare ufficialmente un membro della crew di influencer più famosa d’Italia. “Siamo entusiasti del progetto che abbiamo costruito insieme ad House of Talent - sottolinea Cecilia Ferraresi, Bravo marketing manager -. È stata un’estate incredibile in cui siamo riusciti a coinvolgere migliaia di teenager e a farli sentire parte di una vera e propria famiglia. L’obiettivo di far divertire i ragazzi in vacanza con i proprio genitori e di farli sperimentare quante più attività possibili alla ricerca del proprio talento è stato portato a casa con successo”.   [post_title] => Bravo Special Academy House of Talent: 14 mila i ragazzi coinvolti questa estate [post_date] => 2022-10-06T10:01:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665050517000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431651 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines cambia passo e punta ad una flotta composta da soli Airbus A220 entro il 2026. La compagnia aerea, che attualmente opera con una flotta composta da cinque Airbus A319-100, un Airbus A320-200 e sei De Havilland Canada DHC-8-402, ha annunciato la firma dell'accordo con Airbus per l'acquisto di sei velivoli A220. Intanto, durante la stagione invernale 2022-23, Croatia Airlines prevede di collegare la Croazia con 13 destinazioni internazionali e di operare voli su un totale di 19 rotte internazionali. In particolare, il vettore conta di effettuare più di 8.500 voli di linea e di offrire circa 869.000 posti, con un aumento del 28% del numero di voli e posti offerti quest'inverno rispetto al numero di voli e posti offerti nell'orario invernale 2021/2022.    Da Zagabria il network include le città di Amsterdam, Vienna, Bruxelles, Dublino, Francoforte, Copenaghen, Londra (Heathrow), Monaco, Parigi, Roma (via Spalato), Sarajevo, Skopje e Zurigo. Da Spalato, invece, sono previsti voli per quattro destinazioni internazionali: giornalieri per Monaco di Baviera giornalieri per Francoforte, giornalieri per Roma e due volte a settimana per Zurigo. Oltre ad ampliare la propria rete di voli internazionali, Croatia Airlines continua a mantenere la connettività aerea delle città e delle regioni croate offrendo voli interni di linea da e per 5 aeroporti croati (Zagabria, Spalato, Dubrovnik, Zara e Pola). [post_title] => Croatia Airlines punta su una flotta di soli Airbus A220 entro il 2026 [post_date] => 2022-10-05T09:17:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664961455000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia namibia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":17,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":188,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434922","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_403687\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Norwegian Prima. Nave di debutto dell'omonima classe che ha iniziato le operazioni agli inizi dello scorso settembre[/caption]\r\n\r\nCambia il ritmo di consegna delle navi di classe Prima, che inizialmente prevedeva l'arrivo di una nuova unità all'anno. Dopo i rinvii delle prime due navi, la Prima e la Viva, continuano infatti i problemi della catena di forniture per gli stabilimenti Fincantieri, a cui è in carico la costruzione di sei unità Ncl. Una criticità che ha peraltro coinvolto recentemente anche la Explora I, unità di debutto del brand luxury di casa Msc, in fase di costruzione a Monfalcone.\r\nIl calendario originario delle Prima stimava quindi un arrivo all'anno dal 2022 al 2027. A fronte della questione forniture, la consegna prevista nel 2024 è stata invece spostata all'anno successivo, con due debutti a questo punto calendarizzati per il 2026 e uno nel 2027. Ncl ha peraltro comunicato che i progetti delle nuove navi potrebbero essere modificati, per rendere le unità ancora più ambientalmente sostenibili. Se così dovesse essere non si escludono però ulteriori ritardi nelle consegne.\r\n\r\nAl contrario di altre grandi compagnie di crociere, Ncl ha deciso di non alimentare le proprie prima due unità di classe Prima a gas naturale liquefatto (gnl). Ha per contro dato il via a una serie di test per carburanti biologici, firmando un accordo con la Man Energy Solutions lo scorso ottobre al fine di valutare la possibilità di convertire i motori delle navi già operative all'utilizzo del metanolo, oltre che del diesel","post_title":"Problemi alla catena di forniture: rivisto il calendario delle consegne delle prossime navi Ncl","post_date":"2022-11-28T12:07:02+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669637222000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434787","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_434788\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Christian Catiello, Gabriele Burgio e Tommaso Bertini. Sopra il nuovo logo Alpitour World[/caption]\r\n\r\nIl gabbiano che rappresenta i 75 anni di storia della compagnia, armonicamente inserito nelle pieghe del simbolo dell'infinito. \"Infinito come le infinite emozioni di una vacanza; infinito come il nostro infinito amore per il mondo; e infinito come l'infinito impegno dei nostri team\".  Così Tommaso Bertini descrive la nuova immagine di Alpitour World recentemente presentata a Milano insieme al neonato sito corporate, che intende raccogliere tutte le molteplici anime della compagnia. \"In fondo - prosegue l'head of corporate & tour operating marketing della compagnia - l'unica costante in natura è proprio il cambiamento. Solo così un'azienda come la nostra può continuare a prosperare e ad avere successo\".\r\n\r\nUn'evoluzione che oggi si basa su tre pilastri fondamentali, quasi specchio della Trevolution lanciata poco più di un anno fa per riorganizzare i brand del tour operating della compagnia: \"In primis abbiamo la tecnologia - racconta il managing director organization Alpitour, Christian Catiello -: con il progetto inNova abbiamo investito 50 milioni di euro in tre anni e dall'anno prossimo il nostro team It sarà composto da 135 risorse, per una crescita di circa il 50% rispetto a oggi. Poi c'è il tema della sostenibilità, su cui ci impegniamo da tempo e che recentemente ha tra l'altro per esempio visto l'introduzione dei saponi solidi all'interno delle nostre strutture ricettive, mentre la flotta Neos è la più giovane d'Europa, garantendoci così sensibili risparmi sui consumi di carburante. Infine, ma non per ultime, ci sono le persone. Proprio in questi giorni la rivista Forbes ci ha posizionato all'ottavo posto in Italia tra le aziende migliori in cui lavorare e siamo stati inclusi nella top 300 del Vecchio continente: un risultato che ci riempie d'orgoglio e che credo sia il frutto della nostra attenzione verso la formazione, la crescita e le esigenze personali\".\r\n\r\n\"Le difficoltà di questi anni ci hanno portato a riflettere a lungo e profondamente - conclude il presidente e ceo di Alpitour World, Gabriele Burgio -. Abbiamo quindi semplificato la nostra proposta di prodotto con la Trevolution; siamo riusciti a rifinanziare un'azienda che durante la pandemia perdeva il 75% del proprio fatturato; abbiamo puntato sull'innovazione e abbiamo continuato lungo percorsi che avevamo intrapreso già prima della pandemia. Ora abbiamo una macchina più snella, in grado di gestire migliaia di transazioni al giorno con una velocità prima impensabili. Un'efficienza che tra le altre cose dà alle nostre risorse umane la possibilità di impegnarsi in attività a maggiore valore aggiunto. L'azienda insomma è cambiata molto. Abbiamo quindi ritenuto naturale mutarne anche l'identità visiva. Ma tutto ciò ovviamente non può e non deve essere un punto d'arrivo, bensì l'inizio e il continuo di un percorso verso una sempre maggiore flessibilità\".\r\n\r\n ","post_title":"Alpitour World cambia immagine e affianca l'infinito allo storico gabbiano della compagnia","post_date":"2022-11-25T09:05:41+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669367141000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433498","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Che sia l’Africa dei safari nella natura selvaggia, oppure quella dei deserti e dei paesaggi senza limiti o ancora dei riti tribali e delle genti, da ben 50 anni African Explorer è punto di riferimento in Italia per i viaggi con mete in 16 Paesi su tutto il continente. Per celebrare questo traguardo, l'operatore milanese intende condurre i viaggiatori alla scoperta di Tanzania e Namibia per il prossimo Capodanno, con ben tre proposte che prevedono sconti fino a mille euro a coppia. \r\n\r\nTanzania Explorer: sette giorni di safari nella terra dei grandi parchi (27 dicembre - 5 gennaio)\r\nTour in fuoristrada con tettuccio apribile attraverso i più bei parchi del Nord della Tanzania: i territori di Lake Manyara e dei grandi parchi nazionali Serengeti, Ngorongoro e Tarangire. Partenze da Roma e Milano, sette notti con trattamento pensione completa in campi tendati e lodge di categoria superior, tutti inseriti armoniosamente nell’ambiente. Guida italiano/inglese per tutto il periodo.\r\n\r\nNamibia Explorer e Namibia Freedom: scegli la tua Namibia (27 dicembre - 8 gennaio)\r\nComunque si decida di attraversare la Namibia, i pacchetti Freedom ed Explorer permetteranno di vivere ed esplorare un paese estremamente complesso. Il pacchetto Namibia Explorer prevede un tour in veicolo 4x4 con guida in lingua italiana e trattamento pensione completa, mentre il pacchetto Namibia Freedom propone una formula più agile fly & drive con noleggio di una vettura 4x4 per spostarsi in autonomia. Dai deserti del Namib e del Kalahari, alla fascia costiera di Cape Cross e Sandwich Harbour e ai paesaggi del Damaraland disseminati di incisioni rupestri tra le più antiche al mondo, la Namibia è una tavolozza di colori ed esperienze sempre intense e prive di sfumature.","post_title":"African Explorer festeggia il proprio Giubileo con tre proposte speciali per un Capodanno in Tanzania e in Namibia","post_date":"2022-11-04T10:10:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1667556645000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433149","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Finale Ligure nel 2022 ha scelto di presentarsi attraverso la campagna di comunicazione “My Perfect Place”, che ha messo al centro le persone finalesi e le loro storie.\r\n\r\nUn mensile online, un progetto fotografico e una web serie sono i tre strumenti principali della campagna corale della destinazione turistica. Attraverso le storie di persone vere, impegnate nella cura e nelle azioni rivolte alla tutela del patrimonio, del paesaggio, dell’ambiente e del territorio, Finale ha voluto affermare così il valore intrinseco al proprio prodotto turistico\r\n\r\nNel progetto “Persone”, 30 scatti del fotografo Corrado Murlo, specializzato in ritratti e fotografia documentaristica e creativa, raccontano altrettante storie finalesi, per far emergere un’immagine a tratti inconsueta delle persone e del loro legame con il territorio. Ne è scaturita una mostra fotografica, reale, durante tutta la scorsa estate nei Chiostri di Santa Caterina, e virtuale, sempre visibile sul sito web VisitFinaleLigure.it.\r\n\r\nAgli scatti fotografici si collegano le storie dei protagonisti, pubblicate ogni mese sulla testata online “My Perfect Place”, ma anche la web serie “The Perfect Place”, realizzata da Artescienza per la regia di Samuele Wurtz, di cui si è appena conclusa la prima stagione.\r\n\r\nLa campagna low-budget, che si è articolata principalmente su canali digital, ha saputo raggiungere obiettivi importanti. Sono sicuramente significativi i dati della comunicazione digitale, con la newsletter “My Perfect Place” che registra una media di apertura del 48.9%, il profilo Instagram Visit Finale che ha segnato un incremento del 2.153% nella copertura dei posti e del + 31% nelle visite e la pagina Facebook che ha conquistato +1.146% in copertura, + 417% in like e + 158% in visite.\r\n\r\nA curare la campagna “My Perfect Place”, commissionata dal Comune di Finale Ligure, è stata l’agenzia di comunicazione savonese Studiowiki, associata a UNA – Aziende della Comunicazione Unite e membro di DE.DE – Destination Design, la rete di imprese assegnataria del servizio di gestione turistica della destinazione Finale Ligure.\r\n\r\n ","post_title":"Finale Ligure, con My Perfect Place le storie e i volti protagonisti della promozione","post_date":"2022-10-29T10:24:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1667039067000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433215","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riparte il turismo e, con esso, la voglia di shopping tourism in Italia, con Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito tra i principali mercati internazionali per l’incoming del nostro Paese e una spesa media pro-capite giornaliera di 100 euro. È la fotografia scattata da Risposte Turismo e presentata oggi a Venezia nell’ambito della tappa inaugurale di Shopping Tourism – il forum italiano, appuntamento dedicato agli operatori dello shopping ideato dalla stessa Risposte Turismo e organizzato quest’anno in partnership con il sistema Confcommercio e con Mastercard e Land of Fashion Villages main sponsor.\r\n\r\nLa nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor contiene quindi un’inedita indagine su un campione rappresentativo di 300 turisti stranieri (provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito), di cui la metà viaggiatori che hanno nello shopping la motivazione prevalente del viaggio. E tra i fattori che influenzano maggiormente la scelta della destinazione spiccano, dopo sconti, saldi e promozioni (60%), l’offerta commerciale della destinazione (34%), i servizi a disposizione (trasporti ma anche app dedicate e mappe, 32%), la vicinanza ad attrazione / luoghi da visitare (29%) e la presenza di produzioni tipiche/prodotti particolari o unici (27%). Tra le prime città menzionate quali mete in cui si sono realizzati i viaggi per shopping figura poi Milano assieme a Londra, New York e Parigi, mentre nelle città top of mind si inseriscono, oltre alle appena citate, anche Los Angeles, Barcellona, Madrid e Roma. Della parte del campione di intervistati riferita a chi dichiara di non aver mai viaggiato con lo shopping quale motivazione principale, il 14% ha indicato nel fare acquisti una delle attività prevalenti nel corso del soggiorno, dimostrando dunque la forza generale del binomio turismo e shopping tra la domanda.\r\n\r\nFocus Venezia\r\n\r\nDa un’ulteriore indagine effettuata su oltre 80 negozi a Venezia, tre clienti su quattro sono turisti e i livelli di vendita a fine anno saranno molto simili a quelli del 2019. Tra i viaggiatori stranieri maggiormente presenti nei negozi in città prevalgono gli statunitensi (32%), seguiti da francesi (25%), tedeschi (22%) e inglesi (8%). Inoltre, circa un terzo dei negozi intervistati sottolinea come, rispetto al 2019, le abitudini del turista siano cambiate: oggi si richiedono prodotti originali o personalizzati creati da artigiani locali e si vuole vivere nuove esperienze come quella di incontrare i produttori, così come si cerca l’ottimizzazione delle spedizioni di acquisti nei luoghi di vendita, sebbene una parte della clientela turistica esprima oggi un minore potere d’acquisto. Per quanto riguarda quindi le vendite ai turisti, nove negozianti su dieci sottolineano ottime prospettive per il 2023. Pur con un 64% di negozi che dispone di servizio e-commerce (prevalentemente tramite proprio sito), oltre sei su dieci puntano ancora sulla vendita in negozio.\r\n\r\n«Lo shopping tourism in Italia beneficia della ripresa dei viaggi, anche internazionali, con vantaggi per l’offerta commerciale delle destinazioni così come per altre componenti dei sistemi economici locali - ha sottolineato Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. Per sfruttare questa opportunità, gli operatori dovranno dimostrare di essere aggiornati e sensibili rispetto alle richieste e preferenze dei turisti, in particolare di quelli che si muovono proprio per fare acquisti nelle destinazioni visitate, e si aspettano di poter acquisire valore, in termini di conoscenza, informazioni, intrattenimento, dall’esperienza che vivranno. I primi risultati dello Shopping Tourism Italian Monitor hanno evidenziato come, in particolare nelle città meta di consistenti flussi turistici, i titolari di punti vendita, non solo quelli appartenenti a catene e grandi marchi, si stiano attrezzando al meglio per rispondere a queste richieste. Serve però uno sforzo in più, come sistema-destinazione, per inquadrare meglio questo fenomeno, comprenderne le potenzialità e adattare l’intera offerta ricettiva a questo segmento di domanda in crescita».","post_title":"Risposte Turismo: Milano meta preferita dello shopping tourism insieme a Londra, Parigi e New York","post_date":"2022-10-28T13:21:29+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1666963289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431763","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono più di 14 mila i ragazzi e le ragazze che, in vacanza nelle strutture Bravo, questa estate hanno avuto la possibilità di coltivare le proprie passioni e di liberare il proprio talento nascosto. Con le Bravo Special Academy House of Talent, infatti, gli ospiti più giovani (9-14 anni) del brand di villaggi di Alpitour World hanno potuto intrattenersi con dei workshop di attività di ogni genere: tra lezioni di musica, di fotografia, di radio e di recitazione, non sono mancate nemmeno academy di TikTok e di street art. Molto apprezzata è stata l’opportunità di confrontarsi in prima persona con la crew di influencer di House of Talent, presente nelle strutture Bravo Alimini, Bravo Fantazia Resort e Bravo Viva Dominicus Beach.\r\n\r\nI numerosi partecipanti alle academy hanno potuto anche partecipare al casting Join the crew, ovvero le selezioni per entrare a far parte di House of Talent. Sono arrivate ben 500 candidature, e tra esse sono stati selezionati otto talentuosi ragazzi. Di questi, solo quattro verranno invitati a Milano nel mese di ottobre per un’ultima selezione, e soltanto una persona potrà coronare il suo sogno: diventare ufficialmente un membro della crew di influencer più famosa d’Italia.\r\n\r\n“Siamo entusiasti del progetto che abbiamo costruito insieme ad House of Talent - sottolinea Cecilia Ferraresi, Bravo marketing manager -. È stata un’estate incredibile in cui siamo riusciti a coinvolgere migliaia di teenager e a farli sentire parte di una vera e propria famiglia. L’obiettivo di far divertire i ragazzi in vacanza con i proprio genitori e di farli sperimentare quante più attività possibili alla ricerca del proprio talento è stato portato a casa con successo”.\r\n\r\n ","post_title":"Bravo Special Academy House of Talent: 14 mila i ragazzi coinvolti questa estate","post_date":"2022-10-06T10:01:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665050517000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431651","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines cambia passo e punta ad una flotta composta da soli Airbus A220 entro il 2026. La compagnia aerea, che attualmente opera con una flotta composta da cinque Airbus A319-100, un Airbus A320-200 e sei De Havilland Canada DHC-8-402, ha annunciato la firma dell'accordo con Airbus per l'acquisto di sei velivoli A220.\r\n\r\nIntanto, durante la stagione invernale 2022-23, Croatia Airlines prevede di collegare la Croazia con 13 destinazioni internazionali e di operare voli su un totale di 19 rotte internazionali. In particolare, il vettore conta di effettuare più di 8.500 voli di linea e di offrire circa 869.000 posti, con un aumento del 28% del numero di voli e posti offerti quest'inverno rispetto al numero di voli e posti offerti nell'orario invernale 2021/2022. \r\n\r\n \r\n\r\nDa Zagabria il network include le città di Amsterdam, Vienna, Bruxelles, Dublino, Francoforte, Copenaghen, Londra (Heathrow), Monaco, Parigi, Roma (via Spalato), Sarajevo, Skopje e Zurigo.\r\n\r\nDa Spalato, invece, sono previsti voli per quattro destinazioni internazionali: giornalieri per Monaco di Baviera giornalieri per Francoforte, giornalieri per Roma e due volte a settimana per Zurigo.\r\n\r\nOltre ad ampliare la propria rete di voli internazionali, Croatia Airlines continua a mantenere la connettività aerea delle città e delle regioni croate offrendo voli interni di linea da e per 5 aeroporti croati (Zagabria, Spalato, Dubrovnik, Zara e Pola).","post_title":"Croatia Airlines punta su una flotta di soli Airbus A220 entro il 2026","post_date":"2022-10-05T09:17:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664961455000]}]}}