14 April 2024

Monografia Andalucia

Monografia sull’Andalucia realizzata dal giornale Travel Quotidiano. Itinerari di viaggio proposti dall’ente del turismo spagnolo: vacanze al mare, viaggi culturali, vacanze nell’entroterra immersi nella natura, viaggi business, gastronomia locale e divertimenti.

Andalucia: un mondo sospeso, tra pianura e montagna, tra deserto e neve, tra cultura cristiana e cultura arabo-musulmana, tra Mar Mediterraneo e Oceano Atlantico.Pochi altri posti possono vantare una doppia dimensione come l’Andalucia, una delle 17 comunità autonome della Spagna, prima per popolazione, seconda per estensione.

Il viaggio proposto in Andalusia parte dal mare. Mille chilometri di costa, dalle calde e assolate spiagge mediterranee agli aggressivi litorali oceanici: il mare in Andalucia è sicuramente il luogo ideale per passare le vacanze.

La Monografia “Andalucia. Un mondo sospeso” propone un percorso che inizia da est, dalla piccola cittadina di San Juan de los Terreros – Costa de Almeria per poi proseguire verso Granada, la Costa Tropical e  la Costa del Sol, 150 chilometri di spiaggia in provincia di Malaga. E’ in questa zona che si concentrano maggiormente gli hotel della regione. Ogni spiaggia, ogni località è per gli spagnoli, sinonimo di mare ed estate.

Il viaggio prosegue verso l’interno a Ronda, una delle città più affascinanti dell’Andalucia che vanta la più antica plaza de toros di tutta la Spagna, per poi proseguire verso Gibilterra – Costa de la Luz nella provincia di Cadice: 200 chilometri di spiaggia fine e dorata che ne fanno il paradiso del windsurf.

E poi Almeria, città araba con un’interessante fortezza, Siviglia, la capitale patria del flamenco, Malaga capitale economica e culturale della Costa del Sol, Jaen piccolo capoluogo nel cuore interno del Paese, capitale mondiale dell’olio d’oliva, Cordova e Huelva, città industriale e portuale.

La Monografia Andalucia inoltre approfondisce la destinazione anche dal punto di vista dei viaggi business, dei viaggi legati alla cultura gastronomica e al divertimento.

andalucia.org

www.spain.info


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465193 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sedici proposte distintive, dal profondo valore archeologico, antropologico e naturalistico, che spaziano dall’Africa all’Oceania, passando per Europa, Medio Oriente e Asia. “A pochi mesi dall’ingresso di Shiruq nell’orbita di Mappamondo, siamo lieti di presentare al mercato la nostra offerta di viaggi culturali con partenze a data fissa per l’intero 2024 - dichiara Francesca Lorusso, responsabile del marchio Shiruq -. Offerte strutturate che possono contare su tariffe fisse e prezzi concorrenziali grazie ai servizi in allotment. Viaggi per piccoli gruppi, max 12 partecipanti, al fine di garantire un'esperienza di viaggio più intima ed approfondita”. Denominatore comune di tutti i viaggi, la presenza dell’accompagnatore dall’Italia: una figura culturale significativa, che detiene una profonda conoscenza dei luoghi e una grande competenza nella gestione delle dinamiche di gruppo. Tra le punte di diamante della programmazione ’24 di Shiruq by Mappamondo: la Georgia, in un viaggio di agosto condotto dal giornalista e storico Piero Pasini; l’Australia, con l’esplorazione del selvaggio outback a cura della tour leader Carla Piazza, tra le maggiori esperte della destinazione; l’Algeria, in uno straordinario quanto inaspettato connubio di archeologia e deserto, da scoprire con Valentina Rubbi, accompagnatrice e divulgatrice culturale. Non mancano le partenze in occasione dei grandi festival, come il Diwali (festival delle luci) in Karnataka (India) e il That Luang Festival in Laos. Le sedici proposte sono consultabili, nei dettagli, al sito shiruqviaggi.com. Inoltre, nell’area agenzie del sito, sono presenti le locandine di ogni viaggio, da scaricare e utilizzare in agenzia. “Un importante passo in avanti per Shiruq by Mappamondo – conferma Andrea Mele, ceo Mappamondo – frutto di un intenso lavoro di programmazione, che ci permette di offrire ora alle agenzie tanto nuovo prodotto di qualità, a conferma immediata, da proporre ai propri clienti più attenti, sia per il periodo di alta stagione di agosto, sia per i mesi a seguire”. A supporto degli agenti di viaggio, il programma di formazione ShiruqLab: un ciclo di webinar monografici, dedicati alle nuove proposte. Incontri condotti dai pm e dai tour leader di Shiruq, progettati per trasferire agli agenti gli strumenti e le competenze necessarie per offrire ai propri clienti consulenze di viaggio altamente qualificate e personalizzate. [post_title] => Disponibile l'intera programmazione 2024 con partenza a data fissa della Shiruq by Mappamondo [post_date] => 2024-04-10T10:34:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712745285000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trieste Airport entra ufficialmente nella stagione estiva forte di un 2023 dai risultati positivi: il cda dell'Aeroporto Friuli Venezia Giulia ha infatti approvato il bilancio di esercizio 2023 - annata che ha segnato tra l'altro il record storico dei passeggeri - con un utile è di 3,2 milioni di euro (+33% sul 2022), un'ebitda di 6,5 milioni (+16%) e un valore della produzione pari a 24 milioni (+18,2%). In miglioramento pure la posizione finanziaria netta, che passa dai 5,8 milioni del 2022 ai 3,6 milioni del 2023. Una nota del cda ricorda inoltre il +33,5% di passeggeri, mai così numerosi (932.767), in conseguenza non solo della ripartenza post pandemia, ma anche dell’incremento di collegamenti a disposizione del bacino d’utenza nordestino e transfrontaliero. Sono stati inoltre 564.439 gli utenti del polo intermodale Trieste Airport che hanno utilizzato il trasporto pubblico locale (treno e bus), anche in questo caso con un netto aumento (+43%) sull’anno precedente. «Una fotografia decisamente soddisfacente – commenta l’amministratore delegato Marco Consalvo – la crescita dei passeggeri e delle destinazioni ci sta consentendo un cambio di profilo e vogliamo continuare in questa direzione. Il contesto attuale è di un aeroporto che si sta sempre più trasformando anche in un centro intermodale dei trasporti regionali. E proprio a supporto dell’intermodalità, dallo scorso ottobre abbiamo attivato la rivoluzione tariffaria per i mille stalli del parcheggio P8, offerti a un euro per 12 ore di sosta a pendolari e turisti che si spostano con auto privata, ma che intendano raggiungere con i servizi pubblici i principali centri urbani della regione». Intanto ha preso il via domenica, 31 marzo, l'operativo estivo 2024 con l’inaugurazione di sette nuove destinazioni: Berlino, Brindisi, Budapest (che decollerà però dal 2 giugno), Cracovia, Olbia, Parigi Beauvais e Siviglia. Tutto gestite da Ryanair, che serve Ronchi dei Legionari anche su Barcellona, Bruxelles Charleroi, Bari, Cagliari, Catania, Dublino, Londra Stansted, Malta, Napoli, Palermo e Valencia. [post_title] => Trieste Airport: il 2023 centra il record di passeggeri e utili per 3,2 mln di euro [post_date] => 2024-04-02T10:39:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712054388000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464216 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_464219" align="alignleft" width="300"] Vittorio Ducrot[/caption] Ci sarà anche la presentazione di un libro autobiografico del fondatore Vittorio Ducrot (in programma allo spazio Ducrot in primavera), nonché un press tour al Ducrot Rose garden, la villa di campagna di famiglia sulle colline umbre, tra le iniziative che i Viaggi dell'Elefante ha in programma quest'anno per festeggiare i propri primi 50 anni. L'operatore capitolino è infatti nato nel 1974 da un’idea di Vittorio Ducrot, per gli amici Vicky, viaggiatore appassionato e desideroso di condividere le proprie scoperte fatte in anni di esplorazioni in decine di Paesi del mondo. “Sin dall’inizio la nostra scelta, realizzata con il sostegno della compagnia di bandiera olandese Klm, fu quella di offrire ai clienti un tipo di viaggio di alta gamma in tutti i continenti - racconta Enrico Ducrot, figlio del fondatore e ceo dell’azienda -, selezionando le destinazioni più suggestive e garantendo il massimo comfort e professionalità in ogni dettaglio del viaggio. Dalle selvagge terre dell'Indonesia ai maestosi safari in Tanzania, dalle antiche meraviglie dell'India alle incantevoli spiagge del Centro America, il marchio ha continuato a innovare”. I cataloghi, sin dalla prima pubblicazione, erano illustrati con le miniature indiane della collezione di famiglia e con le antiche incisioni, estratte dai libri di esplorazione ottocenteschi della biblioteca. “Per questo abbiamo deciso di pubblicare il nuovo catalogo del Cinquantesimo anniversario - prosegue Ducrot - con in copertina una delle miniature più amate da mio padre Vicky Ducrot. Molte di queste illustrazioni originali sono ancora presenti nella collezione in azienda, come quelle di David Roberts”. La storia di Viaggi dell'Elefante è segnata da una continua evoluzione. La proposta iniziale di viaggi di gruppo si è trasformata nel tempo in viaggi su misura, con itinerari personalizzati creati da veri e propri artigiani del viaggio. Nel corso degli anni, il marchio ha ampliato la propria offerta introducendo nuove destinazioni: dalle strade storiche come la via della Seta alle spiagge paradisiache del Sud America e dell'Oceania. Nel 2006 è stata lanciata la linea Ecoluxury, un'innovativa proposta che unisce l'alta qualità del servizio con un’attenzione particolare per la sostenibilità ambientale e il supporto alle comunità locali. «Il successo dei Viaggi dell'Elefante è il frutto del lavoro instancabile di un team di oltre 35 esperti - aggiunge Ducrot -, impegnati ogni giorno a mantenere vivo lo spirito e gli ideali del fondatore. Clienti affezionati, alcuni dei quali alla terza e quarta generazione, testimoniano la reputazione e l'impegno costante del marchio nel fornire esperienze di viaggio indimenticabili». In occasione di questo importante anniversario, Viaggi dell'Elefante rinnova inoltre il proprio impegno verso la sostenibilità e l'etica nel turismo, con l'obiettivo di coinvolgere un numero sempre più consistente di partner e clienti nel sostegno alle realtà locali e alla conservazione del patrimonio culturale e ambientale delle destinazioni visitate. “La nostra programmazione si arricchisce quest’anno di trenta partenze speciali, viaggi di gruppo accompagnati da esperti - conclude Ducrot - per visitare mete in tutto il mondo legate a ricorrenze, feste, festival ed eventi religiosi che rendono questi viaggi veramente unici”. Con un fatturato medio annuo di 20 milioni di euro, il to offre una gamma di proposte turistiche suddivise in otto brand differenti: Turismo Accessibile, Blu, Arte, Best Seller, Digital Detox, Fotografia, Limited Edition ed Ecoluxury, studiati per soddisfare le richieste e le necessità di una clientela sempre più vicina all’ambiente, alla sostenibilità, alla bellezza, alla cultura e al rispetto delle tradizioni che il mondo sa offrire.   [post_title] => Viaggi dell'Elefante: il to fondato da Vittorio Ducrot festeggia i propri primi 50 anni [post_date] => 2024-03-25T11:36:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711366607000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prenotano con un anticipo di almeno un mese e scelgono principalmente il soggiorno in hotel; si dedicano allo sci ed in generale ad attività sportive, a passeggiate e ad esperienze legate ad eventi enogastronomici; sono pronti a rinunciare a località troppo care per via della minore capacità di spesa, ma non alla possibilità di fare un soggiorno in montagna, magari aggiustando il tiro per evitare di sforare con il budget; prediligono le destinazioni del Nord Italia soprattutto per la settimana bianca; per lo sci nel week end le località montane del Centro Sud recuperano, laddove la performance è stata penalizzata dalle scarse nevicate sull’Appennino. Ma soprattutto: solo il 4,5% di essi ha scelto di recarsi all’estero. Questa la fotografia del movimento turistico degli italiani in occasione delle vacanze sulla neve secondo il rapporto realizzato da Tecnè per conto della Federalberghi. Tra coloro che hanno dedicato alla propria vacanza un’intera settimana (6,5 milioni) e quelli che invece hanno deciso di sciare solo nel week end (2,4 milioni), è certo che l’appuntamento con la neve per gli italiani non è andato deserto. «Per noi è una bella conferma che arriva a ridosso della Pasqua, il che fa ben sperare. Abbiamo avuto momenti di difficoltà, temendo che il turismo invernale potesse essere penalizzato in termini di performance dalle scarse nevicate. La diretta conseguenza è evidente soprattutto per ciò che riguarda l’Appennino. Attualmente le cime sono ben innevate e lo scenario potrebbe cambiare.  Di certo siamo sempre più ammirati del fatto che i nostri concittadini continuano a prediligere mete italiane nel progettare il proprio viaggio». Cosi ha commentato la ricerca di Tecnè il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. «La soluzione in hotel resta la favorita nel periodo delle settimane bianche, una bella boccata di ossigeno per le nostre imprese – ha proseguito Bocca - Tutto questo è di ottimo auspicio». “Ciò che gioca contro la prospettiva di vacanza, di qualsiasi periodo si voglia parlare, è purtroppo l’impatto della minore capacità di spesa – ha concluso il presidente di Federalberghi – Secondo la nostra indagine, sette italiani su dieci hanno dovuto fare i conti con i rincari, orientando diversamente le proprie scelte. E per noi questa non potrà mai essere una buona notizia”. [post_title] => Federalberghi: 8,9 milioni di italiani hanno scelto la montagna [post_date] => 2024-03-15T11:31:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710502313000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Svizzera ha una grande tradizione di eventi musicali e culturali che, negli anni, si sono imposti sul panorama della scena internazionale. E sono numerosi gli artisti che hanno contribuito a disegnare il volto delle città svizzere. Sul lungolago di Montreux, ad esempio, spicca la statua di Freddie Mercury che con i Queen registrò tra il 1978 e il 1995 ben 6 album nei Mountain Studios, all’interno del Casinò. Oppure David Bowie, che ha vissuto sul Lago di Ginevra per 20 anni e in seguito nel Château du Signal, un castello a Epalinges, sopra Losanna. Con l’evento The sound of Swiss cities che si è svolto a Milano, Svizzera turismo ha presentato il ricco calendario di eventi musicali e culturali che animeranno le principali città svizzere nei prossimi mesi.  Che sia classica, pop, rock o blues la musica riveste un ruolo importante nell'offerta turistica delle città svizzere sia per gli eventi di richiamo internazionale sia per l’architettura delle sale concerto di recente apertura o per il legame che questo territorio ha con alcuni artisti che qui hanno vissuto o tratto ispirazione. Come dichiarato da Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo «ciò che stupisce è l’abbondanza di proposte artistico-culturali in rapporto alla superficie territoriale e al numero di abitanti. Con 1081 musei - di cui il 15% dedicato ad arte, design e fotografia - la Svizzera vanta la più alta densità di musei al mondo. Collezioni pubbliche e private hanno permesso l’apertura dei musei su tutto il territorio e conservano ed espongono a rotazione 77,1 milioni di oggetti. Luoghi che nel tempo hanno aperto le porte anche ad eventi artistici legati alla musica e alla danza. E oggi vogliamo sottolineare dunque la ricchezza dell’offerta musicale delle nostre città per questo anno appena iniziato».  Basilea, capitale dell’arte e dell’architettura, si prepara ad un'annata ricca di sonorità con un calendario di eventi musicali imperdibili per la stagione 2024. Dagli appassionati di musica classica agli amanti del jazz e del rock, fino ad arrivare alla techno: l’agenda dei prossimi mesi per la città di Basilea è davvero ricca di concerti, festival e manifestazioni musicali. Dagli aperitivi musicali nei bar alle rassegne di musica da camera nei musei, la città offre un'esperienza sonora unica e indimenticabile. Solo per citarne alcuni, tra giungo e luglio Basilea si animerà con il Festival Musik Basel, un'esplosione di musica contemporanea con artisti di fama internazionale. A settembre invece sarà la volta della Biennale di musica antica: un viaggio nel tempo attraverso le epoche musicali più affascinanti. Oppure per gli amanti del Jazz un appuntamento da segnare in agenda è Off Beat Basel a maggio, dedicato al jazz emergente con un'atmosfera intima e accogliente. Senza dimenticare il Basel Tattoo, il ritrovo delle bande musicali militari più spettacolari del mondo. Il 2024 segna anche l’anniversario dei 200 anni dello Stadtcasino Basel fondato nel 1824 come associazione senza scopo di lucro con lo scopo di promuovere la cultura e diventato negli anni il centro per la musica classica.  Ad aprile inoltre verrà inaugurato il nuovo Baselland Kunsthaus, il principale spazio espositivo per l'arte contemporanea nella regione di Basilea. Una città da vivere e da scoprire, Berna è il luogo dove musica e cultura si intrecciano creando un'atmosfera unica e indimenticabile. Gli eventi e i festival che si susseguono durante l'anno animano la città con musica, teatro, cinema e gastronomia. Il Casinò di Berna è il palco principale dell’Orchestra Sinfonica della città e ospita non solo concerti di musica classica ma anche spettacoli di cabaret. Anche il Zentrum Paul Klee realizzato da Renzo Piano, ospita nei suoi spazi concerti, eventi gastronomici, e altre manifestazioni. Oltre ovviamente ad esporre le opere dell'omonimo artista, e mostre d’arte di artisti contemporanei di fama internazionale. Danza, opera e balletto hanno invece come location il teatro comunale di Berna. Altra location degna di nota è la Dampfzentrale, una vecchia centrale elettrica situata lungo il fiume e oggi riconvertita a luogo culturale per spettacoli di danza e musica. Tra gli appuntamenti da non perdere, la 49° edizione del festival internazionale di jazz da marzo a maggio, il Buskers Bern festival con artisti di strada provenienti da tutti il mondo, e l’Offbeat Bern, un festival che celebra la diversità del jazz con artisti emergenti e leggende viventi. Un'altra meta interessante non solo per i grandi eventi, è Losanna, la cui scena musicale è in costante fermento grazie ai numerosi club dal vivo, concerti gratuiti nei bar, jam session e manifestazioni dedicate alla musica in ogni sua forma. Dagli storici palazzi ai moderni locali, la città offre un'esperienza sonora unica e variegata. Tappe obbligate prima o dopo un concerto la pasticceria Sweet Sage, o un pranzo alla Buvette Vaudoise, il punto di ristoro del Grand Conseil Vaudois, una volta riservato ai deputati e oggi aperto anche al pubblico. La scena musicale contemporanea trova spazio al Jumeaux jazz club, inaugurato lo scorso gennaio e diventato già un centro di creazione musicale di altissimo livello. Anche il Museo Olimpico, che ospita adesso una mostra dedicata ai giochi olimpici di Parigi, è un’altra tappa per eventi culturali e musicali. Losanna ospita inoltre il Capitole, il più grande cinema della Svizzera presso un affascinante palazzo art déco con all’interno anche la Cineteca svizzera, dove si organizzano non solo proiezioni di film ma anche appuntamenti culturali e cine-concerti. Con una scena culturale davvero molto dinamica, all’altezza delle più grandi capitale europee, Ginevra è una città a misura d’uomo, divisa tra lago e montagne. Facilmente raggiungibile da Milano in sole 4 ore di treno, conta oltre 130 gli alberghi e numerosi parchi pubblici. La città offre numerosi spazi dedicati all’arte, ai concerti e agli eventi ogni genere. Tra questi, il Grand Theatre de Genève, un palcoscenico di fama mondiale che rappresenta la più grande scena artistica della Svizzera ed è sede delle compagnie di opera e balletto della città. Ospita inoltre sperimentazioni e festival legati ai nuovi generi musicali e culturali con l'obiettivo di avvicinare le nuove generazioni e nuovi target di pubblico a questa istituzione. «La Svizzera è la patria degli eventi open-air. Nelle piazze cittadine o su piattaforme galleggianti sui laghi e sui fiumi si svolgono concerti e spettacoli teatrali durante tutta l’estate. Fra le sale concerto di recente costruzione meritano una menzione il Centro Cultura e Congressi (KKL) a Lucerna, disegnato da Jean Nouvel, e lo Stadtcasino di Basilea ampliato e rinnovato dal duo Herzog & de Meuron in cima alle classifiche per l’acustica. Di tendenza, inoltre, sono gli eventi all’interno degli spazi museali. Il parco della Fondazione Beyeler a Basilea, il Centro Paul Klee a Berna o il vecchio maneggio di Aarau diventano “venue” per concerti e dj set» - ha dichiarato Francesca Rovati, Media Manager Northern Italy, al termine della conferenza stampa. [post_title] => Il suono delle città svizzere, tra musica, arte ed eventi [post_date] => 2024-03-14T09:15:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => svizzera [1] => svizzera-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Svizzera [1] => Svizzera Turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710407710000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venticinque itinerari in tutti e cinque i continenti, 146 partenze esclusive con accompagnatore dall’Italia. Guiness Travel lancia il prodotto Young e chiude così il cerchio della programmazione 2024-2025. La nuova linea si rivolge alla fascia di età compresa tra i 25 e i 45 anni, nonché ai viaggiatori attivi, curiosi e intraprendenti, amanti dei grandi classici, ma aperti anche alle suggestioni dell’off-road. Il prodotto Young mantiene in particolare lo stesso dna degli itinerari classici Guiness, garantendo servizi di livello 4/5 stelle, voli operati dalle migliori compagnie di bandiera, la presenza dell’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia, guide professioniste parlanti la nostra lingua in loco, l’assistenza h24 di Guiness e la riprotezione totale, anche se dovuta a cause di forza maggiore. “Continuiamo a costruire un prodotto completo, senza scorporare il pacchetto voli da quello del tour, in linea con quella che è e resterà la nostra filosofia di viaggio - spiega Michele Mosca, product manager Guiness -: dallo ziplining nelle foreste di Ko Samui ai falò con i Tuareg sotto il cielo stellato nel deserto, dalle sedute di Muay- Thai in Thailandia alle degustazioni di tapas in Galizia, passando per danze indonesiane e snorkeling nei fondali marini più belli del pianeta, sono davvero tanti i momenti wow a bordo degli itinerari Young". La proposta Young sarà annunciata in esclusiva all’interno della conferenza in programma venerdì alle 13 in Bmt, durante la quale si parlerà di tutte le novità introdotte dal to: 20 volumi monografici cartacei e digitali oltre al catalogo generale, l’aumento delle destinazioni e degli itinerari, roadhsow ed eventi di formazione in presenza e online per la rete trade, come il webinar Guiness Lounge tuttora in corso.   [post_title] => Guiness Travel lancia la linea Young dedicata a chi ha tra i 25 e i 45 anni [post_date] => 2024-03-13T09:27:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710322045000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463127 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Focus sul cicloturismo per la Spagna e con proposte, in particolare, mirate su Andalucia e della regione Valencia. In questo contesto l’Ente Spagnolo del Turismo a Milano-Turespaña con i due enti del turismo confermano la partecipazione come official partner della Milano-Sanremo. La 115esima edizione della corsa avrà quest’anno una partenza inedita: il 16 marzo da Pavia, a piazza della Vittoria, per concludersi al consueto arrivo di via Roma a Sanremo, dopo 288 km. I due punti informativi, alla partenza e all’arrivo della corsa, sono il modo migliore per far conoscere agli amanti delle due ruote le tante offerte cicloturistiche della Spagna, tutti i percorsi e gli itinerari delle principali destinazioni spagnole e, in particolare, quelle dell’Andalusia e della Regione Valencia. “La Spagna è una destinazione di riefrimento per tutto lo sport – commenta Isabel Garaña, direttrice dell’Ente Spagnolo del Turismo di Milano – e in particolare per il cicloturismo, grazie alla sua diversità geografica, al buon clima e alla presenza di strade e itinerari adatti a tutti”. Cento km di sentieri e 119 rutas ben segnalate: questo è ciò che offre agli amanti del cicloturismo della Regione di Valenciana, oltre a strutture e a servizi per chi vuole noleggiare le due ruote o ripararle. Anche la regione Andalusia punta sul cicloturismo con spazi protetti e con Transandalus, un tracciato circolare di oltre 2mila km con paesaggi sempre diversi, dalla montagna alla campagna, dalla spiaggia al deserto. Anche la Sierra Nevada, ma è tutta la Spagna a essere un Paese bike friendly con le sue 53 riserve della Biosfera, i 16 parchi nazionali e i tanti itinerari, primo tra tutti il Cammino di Santiago. Sui percorsi più importanti del Paese, così come sull’isola di Maiorca, alle Canarie e sui Pirenei, ci sono alberghi e alloggi pensati per chi si muove con le due ruote, servizi di noleggio e riparazione, videosorveglianza delle biciclette, aree per il lavaggio e persino menu speciali per sportivi. Tra gli itinerari specifici ci sono le Vías Verdes, più di 3.200 km di antiche linee ferroviarie con 120 percorsi di differenti distanze; i Caminos Naturales, più di 10.300 km di sentieri naturalistici tra canali, vie della transumanza e cammini; gli itinerari EuroVelo, in particolare il numero 8 che va da Cadice ad Atene, con un percorso lungo circa 5.400 km. E poi sentieri e vie rurali tra cui il Cammino del Cid che attraversa Castiglia e León, Castiglia-La Mancia, Aragona e Comunità Valenciana. Infine, c’è anche il Canale di Castiglia, un’antica via di navigazione fluviale.      [post_title] => Spagna partner della Milano-Sanremo: riflettori puntati sul cicloturismo [post_date] => 2024-03-11T10:11:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710151893000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462500 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali. Eventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante. «In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni". Mettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione. Il video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere. La campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica. Forever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy. [gallery ids="462510,462511,462512"] [post_title] => AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati [post_date] => 2024-02-29T14:00:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709215215000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. "Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate". E i costi, tutto sommato, sono contenuti. "Meno di quanto si possa immaginare", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: "Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette". E il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. "Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni". [post_title] => L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme [post_date] => 2024-02-29T13:46:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709214375000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia andalucia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":63,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":106,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465193","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sedici proposte distintive, dal profondo valore archeologico, antropologico e naturalistico, che spaziano dall’Africa all’Oceania, passando per Europa, Medio Oriente e Asia. “A pochi mesi dall’ingresso di Shiruq nell’orbita di Mappamondo, siamo lieti di presentare al mercato la nostra offerta di viaggi culturali con partenze a data fissa per l’intero 2024 - dichiara Francesca Lorusso, responsabile del marchio Shiruq -. Offerte strutturate che possono contare su tariffe fisse e prezzi concorrenziali grazie ai servizi in allotment. Viaggi per piccoli gruppi, max 12 partecipanti, al fine di garantire un'esperienza di viaggio più intima ed approfondita”.\r\n\r\nDenominatore comune di tutti i viaggi, la presenza dell’accompagnatore dall’Italia: una figura culturale significativa, che detiene una profonda conoscenza dei luoghi e una grande competenza nella gestione delle dinamiche di gruppo. Tra le punte di diamante della programmazione ’24 di Shiruq by Mappamondo: la Georgia, in un viaggio di agosto condotto dal giornalista e storico Piero Pasini; l’Australia, con l’esplorazione del selvaggio outback a cura della tour leader Carla Piazza, tra le maggiori esperte della destinazione; l’Algeria, in uno straordinario quanto inaspettato connubio di archeologia e deserto, da scoprire con Valentina Rubbi, accompagnatrice e divulgatrice culturale. Non mancano le partenze in occasione dei grandi festival, come il Diwali (festival delle luci) in Karnataka (India) e il That Luang Festival in Laos. Le sedici proposte sono consultabili, nei dettagli, al sito shiruqviaggi.com. Inoltre, nell’area agenzie del sito, sono presenti le locandine di ogni viaggio, da scaricare e utilizzare in agenzia.\r\n\r\n“Un importante passo in avanti per Shiruq by Mappamondo – conferma Andrea Mele, ceo Mappamondo – frutto di un intenso lavoro di programmazione, che ci permette di offrire ora alle agenzie tanto nuovo prodotto di qualità, a conferma immediata, da proporre ai propri clienti più attenti, sia per il periodo di alta stagione di agosto, sia per i mesi a seguire”. A supporto degli agenti di viaggio, il programma di formazione ShiruqLab: un ciclo di webinar monografici, dedicati alle nuove proposte. Incontri condotti dai pm e dai tour leader di Shiruq, progettati per trasferire agli agenti gli strumenti e le competenze necessarie per offrire ai propri clienti consulenze di viaggio altamente qualificate e personalizzate.","post_title":"Disponibile l'intera programmazione 2024 con partenza a data fissa della Shiruq by Mappamondo","post_date":"2024-04-10T10:34:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712745285000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trieste Airport entra ufficialmente nella stagione estiva forte di un 2023 dai risultati positivi: il cda dell'Aeroporto Friuli Venezia Giulia ha infatti approvato il bilancio di esercizio 2023 - annata che ha segnato tra l'altro il record storico dei passeggeri - con un utile è di 3,2 milioni di euro (+33% sul 2022), un'ebitda di 6,5 milioni (+16%) e un valore della produzione pari a 24 milioni (+18,2%). In miglioramento pure la posizione finanziaria netta, che passa dai 5,8 milioni del 2022 ai 3,6 milioni del 2023.\r\n\r\nUna nota del cda ricorda inoltre il +33,5% di passeggeri, mai così numerosi (932.767), in conseguenza non solo della ripartenza post pandemia, ma anche dell’incremento di collegamenti a disposizione del bacino d’utenza nordestino e transfrontaliero.\r\n\r\nSono stati inoltre 564.439 gli utenti del polo intermodale Trieste Airport che hanno utilizzato il trasporto pubblico locale (treno e bus), anche in questo caso con un netto aumento (+43%) sull’anno precedente.\r\n\r\n«Una fotografia decisamente soddisfacente – commenta l’amministratore delegato Marco Consalvo – la crescita dei passeggeri e delle destinazioni ci sta consentendo un cambio di profilo e vogliamo continuare in questa direzione. Il contesto attuale è di un aeroporto che si sta sempre più trasformando anche in un centro intermodale dei trasporti regionali. E proprio a supporto dell’intermodalità, dallo scorso ottobre abbiamo attivato la rivoluzione tariffaria per i mille stalli del parcheggio P8, offerti a un euro per 12 ore di sosta a pendolari e turisti che si spostano con auto privata, ma che intendano raggiungere con i servizi pubblici i principali centri urbani della regione».\r\n\r\nIntanto ha preso il via domenica, 31 marzo, l'operativo estivo 2024 con l’inaugurazione di sette nuove destinazioni: Berlino, Brindisi, Budapest (che decollerà però dal 2 giugno), Cracovia, Olbia, Parigi Beauvais e Siviglia. Tutto gestite da Ryanair, che serve Ronchi dei Legionari anche su Barcellona, Bruxelles Charleroi, Bari, Cagliari, Catania, Dublino, Londra Stansted, Malta, Napoli, Palermo e Valencia.","post_title":"Trieste Airport: il 2023 centra il record di passeggeri e utili per 3,2 mln di euro","post_date":"2024-04-02T10:39:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712054388000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464216","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_464219\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Ducrot[/caption]\r\n\r\nCi sarà anche la presentazione di un libro autobiografico del fondatore Vittorio Ducrot (in programma allo spazio Ducrot in primavera), nonché un press tour al Ducrot Rose garden, la villa di campagna di famiglia sulle colline umbre, tra le iniziative che i Viaggi dell'Elefante ha in programma quest'anno per festeggiare i propri primi 50 anni. L'operatore capitolino è infatti nato nel 1974 da un’idea di Vittorio Ducrot, per gli amici Vicky, viaggiatore appassionato e desideroso di condividere le proprie scoperte fatte in anni di esplorazioni in decine di Paesi del mondo.\r\n\r\n“Sin dall’inizio la nostra scelta, realizzata con il sostegno della compagnia di bandiera olandese Klm, fu quella di offrire ai clienti un tipo di viaggio di alta gamma in tutti i continenti - racconta Enrico Ducrot, figlio del fondatore e ceo dell’azienda -, selezionando le destinazioni più suggestive e garantendo il massimo comfort e professionalità in ogni dettaglio del viaggio. Dalle selvagge terre dell'Indonesia ai maestosi safari in Tanzania, dalle antiche meraviglie dell'India alle incantevoli spiagge del Centro America, il marchio ha continuato a innovare”.\r\n\r\nI cataloghi, sin dalla prima pubblicazione, erano illustrati con le miniature indiane della collezione di famiglia e con le antiche incisioni, estratte dai libri di esplorazione ottocenteschi della biblioteca. “Per questo abbiamo deciso di pubblicare il nuovo catalogo del Cinquantesimo anniversario - prosegue Ducrot - con in copertina una delle miniature più amate da mio padre Vicky Ducrot. Molte di queste illustrazioni originali sono ancora presenti nella collezione in azienda, come quelle di David Roberts”.\r\n\r\nLa storia di Viaggi dell'Elefante è segnata da una continua evoluzione. La proposta iniziale di viaggi di gruppo si è trasformata nel tempo in viaggi su misura, con itinerari personalizzati creati da veri e propri artigiani del viaggio. Nel corso degli anni, il marchio ha ampliato la propria offerta introducendo nuove destinazioni: dalle strade storiche come la via della Seta alle spiagge paradisiache del Sud America e dell'Oceania. Nel 2006 è stata lanciata la linea Ecoluxury, un'innovativa proposta che unisce l'alta qualità del servizio con un’attenzione particolare per la sostenibilità ambientale e il supporto alle comunità locali.\r\n\r\n«Il successo dei Viaggi dell'Elefante è il frutto del lavoro instancabile di un team di oltre 35 esperti - aggiunge Ducrot -, impegnati ogni giorno a mantenere vivo lo spirito e gli ideali del fondatore. Clienti affezionati, alcuni dei quali alla terza e quarta generazione, testimoniano la reputazione e l'impegno costante del marchio nel fornire esperienze di viaggio indimenticabili».\r\n\r\nIn occasione di questo importante anniversario, Viaggi dell'Elefante rinnova inoltre il proprio impegno verso la sostenibilità e l'etica nel turismo, con l'obiettivo di coinvolgere un numero sempre più consistente di partner e clienti nel sostegno alle realtà locali e alla conservazione del patrimonio culturale e ambientale delle destinazioni visitate. “La nostra programmazione si arricchisce quest’anno di trenta partenze speciali, viaggi di gruppo accompagnati da esperti - conclude Ducrot - per visitare mete in tutto il mondo legate a ricorrenze, feste, festival ed eventi religiosi che rendono questi viaggi veramente unici”.\r\n\r\nCon un fatturato medio annuo di 20 milioni di euro, il to offre una gamma di proposte turistiche suddivise in otto brand differenti: Turismo Accessibile, Blu, Arte, Best Seller, Digital Detox, Fotografia, Limited Edition ed Ecoluxury, studiati per soddisfare le richieste e le necessità di una clientela sempre più vicina all’ambiente, alla sostenibilità, alla bellezza, alla cultura e al rispetto delle tradizioni che il mondo sa offrire.\r\n\r\n ","post_title":"Viaggi dell'Elefante: il to fondato da Vittorio Ducrot festeggia i propri primi 50 anni","post_date":"2024-03-25T11:36:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711366607000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prenotano con un anticipo di almeno un mese e scelgono principalmente il soggiorno in hotel; si dedicano allo sci ed in generale ad attività sportive, a passeggiate e ad esperienze legate ad eventi enogastronomici; sono pronti a rinunciare a località troppo care per via della minore capacità di spesa, ma non alla possibilità di fare un soggiorno in montagna, magari aggiustando il tiro per evitare di sforare con il budget; prediligono le destinazioni del Nord Italia soprattutto per la settimana bianca; per lo sci nel week end le località montane del Centro Sud recuperano, laddove la performance è stata penalizzata dalle scarse nevicate sull’Appennino. Ma soprattutto: solo il 4,5% di essi ha scelto di recarsi all’estero.\r\n\r\nQuesta la fotografia del movimento turistico degli italiani in occasione delle vacanze sulla neve secondo il rapporto realizzato da Tecnè per conto della Federalberghi.\r\n\r\nTra coloro che hanno dedicato alla propria vacanza un’intera settimana (6,5 milioni) e quelli che invece hanno deciso di sciare solo nel week end (2,4 milioni), è certo che l’appuntamento con la neve per gli italiani non è andato deserto.\r\n\r\n«Per noi è una bella conferma che arriva a ridosso della Pasqua, il che fa ben sperare. Abbiamo avuto momenti di difficoltà, temendo che il turismo invernale potesse essere penalizzato in termini di performance dalle scarse nevicate. La diretta conseguenza è evidente soprattutto per ciò che riguarda l’Appennino. Attualmente le cime sono ben innevate e lo scenario potrebbe cambiare.  Di certo siamo sempre più ammirati del fatto che i nostri concittadini continuano a prediligere mete italiane nel progettare il proprio viaggio». Cosi ha commentato la ricerca di Tecnè il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.\r\n\r\n«La soluzione in hotel resta la favorita nel periodo delle settimane bianche, una bella boccata di ossigeno per le nostre imprese – ha proseguito Bocca - Tutto questo è di ottimo auspicio».\r\n\r\n“Ciò che gioca contro la prospettiva di vacanza, di qualsiasi periodo si voglia parlare, è purtroppo l’impatto della minore capacità di spesa – ha concluso il presidente di Federalberghi – Secondo la nostra indagine, sette italiani su dieci hanno dovuto fare i conti con i rincari, orientando diversamente le proprie scelte. E per noi questa non potrà mai essere una buona notizia”.","post_title":"Federalberghi: 8,9 milioni di italiani hanno scelto la montagna","post_date":"2024-03-15T11:31:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710502313000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463386","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Svizzera ha una grande tradizione di eventi musicali e culturali che, negli anni, si sono imposti sul panorama della scena internazionale. E sono numerosi gli artisti che hanno contribuito a disegnare il volto delle città svizzere. Sul lungolago di Montreux, ad esempio, spicca la statua di Freddie Mercury che con i Queen registrò tra il 1978 e il 1995 ben 6 album nei Mountain Studios, all’interno del Casinò. Oppure David Bowie, che ha vissuto sul Lago di Ginevra per 20 anni e in seguito nel Château du Signal, un castello a Epalinges, sopra Losanna.\r\n\r\nCon l’evento The sound of Swiss cities che si è svolto a Milano, Svizzera turismo ha presentato il ricco calendario di eventi musicali e culturali che animeranno le principali città svizzere nei prossimi mesi. \r\n\r\nChe sia classica, pop, rock o blues la musica riveste un ruolo importante nell'offerta turistica delle città svizzere sia per gli eventi di richiamo internazionale sia per l’architettura delle sale concerto di recente apertura o per il legame che questo territorio ha con alcuni artisti che qui hanno vissuto o tratto ispirazione. Come dichiarato da Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo «ciò che stupisce è l’abbondanza di proposte artistico-culturali in rapporto alla superficie territoriale e al numero di abitanti. Con 1081 musei - di cui il 15% dedicato ad arte, design e fotografia - la Svizzera vanta la più alta densità di musei al mondo. Collezioni pubbliche e private hanno permesso l’apertura dei musei su tutto il territorio e conservano ed espongono a rotazione 77,1 milioni di oggetti. Luoghi che nel tempo hanno aperto le porte anche ad eventi artistici legati alla musica e alla danza. E oggi vogliamo sottolineare dunque la ricchezza dell’offerta musicale delle nostre città per questo anno appena iniziato». \r\n\r\nBasilea, capitale dell’arte e dell’architettura, si prepara ad un'annata ricca di sonorità con un calendario di eventi musicali imperdibili per la stagione 2024. Dagli appassionati di musica classica agli amanti del jazz e del rock, fino ad arrivare alla techno: l’agenda dei prossimi mesi per la città di Basilea è davvero ricca di concerti, festival e manifestazioni musicali. Dagli aperitivi musicali nei bar alle rassegne di musica da camera nei musei, la città offre un'esperienza sonora unica e indimenticabile. Solo per citarne alcuni, tra giungo e luglio Basilea si animerà con il Festival Musik Basel, un'esplosione di musica contemporanea con artisti di fama internazionale. A settembre invece sarà la volta della Biennale di musica antica: un viaggio nel tempo attraverso le epoche musicali più affascinanti. Oppure per gli amanti del Jazz un appuntamento da segnare in agenda è Off Beat Basel a maggio, dedicato al jazz emergente con un'atmosfera intima e accogliente. Senza dimenticare il Basel Tattoo, il ritrovo delle bande musicali militari più spettacolari del mondo.\r\nIl 2024 segna anche l’anniversario dei 200 anni dello Stadtcasino Basel fondato nel 1824 come associazione senza scopo di lucro con lo scopo di promuovere la cultura e diventato negli anni il centro per la musica classica.  Ad aprile inoltre verrà inaugurato il nuovo Baselland Kunsthaus, il principale spazio espositivo per l'arte contemporanea nella regione di Basilea.\r\n\r\nUna città da vivere e da scoprire, Berna è il luogo dove musica e cultura si intrecciano creando un'atmosfera unica e indimenticabile. Gli eventi e i festival che si susseguono durante l'anno animano la città con musica, teatro, cinema e gastronomia. Il Casinò di Berna è il palco principale dell’Orchestra Sinfonica della città e ospita non solo concerti di musica classica ma anche spettacoli di cabaret.\r\nAnche il Zentrum Paul Klee realizzato da Renzo Piano, ospita nei suoi spazi concerti, eventi gastronomici, e altre manifestazioni. Oltre ovviamente ad esporre le opere dell'omonimo artista, e mostre d’arte di artisti contemporanei di fama internazionale. Danza, opera e balletto hanno invece come location il teatro comunale di Berna. Altra location degna di nota è la Dampfzentrale, una vecchia centrale elettrica situata lungo il fiume e oggi riconvertita a luogo culturale per spettacoli di danza e musica. Tra gli appuntamenti da non perdere, la 49° edizione del festival internazionale di jazz da marzo a maggio, il Buskers Bern festival con artisti di strada provenienti da tutti il mondo, e l’Offbeat Bern, un festival che celebra la diversità del jazz con artisti emergenti e leggende viventi.\r\n\r\nUn'altra meta interessante non solo per i grandi eventi, è Losanna, la cui scena musicale è in costante fermento grazie ai numerosi club dal vivo, concerti gratuiti nei bar, jam session e manifestazioni dedicate alla musica in ogni sua forma. Dagli storici palazzi ai moderni locali, la città offre un'esperienza sonora unica e variegata.\r\nTappe obbligate prima o dopo un concerto la pasticceria Sweet Sage, o un pranzo alla Buvette Vaudoise, il punto di ristoro del Grand Conseil Vaudois, una volta riservato ai deputati e oggi aperto anche al pubblico.\r\nLa scena musicale contemporanea trova spazio al Jumeaux jazz club, inaugurato lo scorso gennaio e diventato già un centro di creazione musicale di altissimo livello.\r\nAnche il Museo Olimpico, che ospita adesso una mostra dedicata ai giochi olimpici di Parigi, è un’altra tappa per eventi culturali e musicali.\r\nLosanna ospita inoltre il Capitole, il più grande cinema della Svizzera presso un affascinante palazzo art déco con all’interno anche la Cineteca svizzera, dove si organizzano non solo proiezioni di film ma anche appuntamenti culturali e cine-concerti.\r\n\r\nCon una scena culturale davvero molto dinamica, all’altezza delle più grandi capitale europee, Ginevra è una città a misura d’uomo, divisa tra lago e montagne. Facilmente raggiungibile da Milano in sole 4 ore di treno, conta oltre 130 gli alberghi e numerosi parchi pubblici. La città offre numerosi spazi dedicati all’arte, ai concerti e agli eventi ogni genere. Tra questi, il Grand Theatre de Genève, un palcoscenico di fama mondiale che rappresenta la più grande scena artistica della Svizzera ed è sede delle compagnie di opera e balletto della città. Ospita inoltre sperimentazioni e festival legati ai nuovi generi musicali e culturali con l'obiettivo di avvicinare le nuove generazioni e nuovi target di pubblico a questa istituzione.\r\n\r\n«La Svizzera è la patria degli eventi open-air. Nelle piazze cittadine o su piattaforme galleggianti sui laghi e sui fiumi si svolgono concerti e spettacoli teatrali durante tutta l’estate. Fra le sale concerto di recente costruzione meritano una menzione il Centro Cultura e Congressi (KKL) a Lucerna, disegnato da Jean Nouvel, e lo Stadtcasino di Basilea ampliato e rinnovato dal duo Herzog & de Meuron in cima alle classifiche per l’acustica. Di tendenza, inoltre, sono gli eventi all’interno degli spazi museali. Il parco della Fondazione Beyeler a Basilea, il Centro Paul Klee a Berna o il vecchio maneggio di Aarau diventano “venue” per concerti e dj set» - ha dichiarato Francesca Rovati, Media Manager Northern Italy, al termine della conferenza stampa.","post_title":"Il suono delle città svizzere, tra musica, arte ed eventi","post_date":"2024-03-14T09:15:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["svizzera","svizzera-turismo"],"post_tag_name":["Svizzera","Svizzera Turismo"]},"sort":[1710407710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Venticinque itinerari in tutti e cinque i continenti, 146 partenze esclusive con accompagnatore dall’Italia. Guiness Travel lancia il prodotto Young e chiude così il cerchio della programmazione 2024-2025. La nuova linea si rivolge alla fascia di età compresa tra i 25 e i 45 anni, nonché ai viaggiatori attivi, curiosi e intraprendenti, amanti dei grandi classici, ma aperti anche alle suggestioni dell’off-road.\r\n\r\nIl prodotto Young mantiene in particolare lo stesso dna degli itinerari classici Guiness, garantendo servizi di livello 4/5 stelle, voli operati dalle migliori compagnie di bandiera, la presenza dell’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia, guide professioniste parlanti la nostra lingua in loco, l’assistenza h24 di Guiness e la riprotezione totale, anche se dovuta a cause di forza maggiore.\r\n\r\n“Continuiamo a costruire un prodotto completo, senza scorporare il pacchetto voli da quello del tour, in linea con quella che è e resterà la nostra filosofia di viaggio - spiega Michele Mosca, product manager Guiness -: dallo ziplining nelle foreste di Ko Samui ai falò con i Tuareg sotto il cielo stellato nel deserto, dalle sedute di Muay- Thai in Thailandia alle degustazioni di tapas in Galizia, passando per danze indonesiane e snorkeling nei fondali marini più belli del pianeta, sono davvero tanti i momenti wow a bordo degli itinerari Young\".\r\n\r\nLa proposta Young sarà annunciata in esclusiva all’interno della conferenza in programma venerdì alle 13 in Bmt, durante la quale si parlerà di tutte le novità introdotte dal to: 20 volumi monografici cartacei e digitali oltre al catalogo generale, l’aumento delle destinazioni e degli itinerari, roadhsow ed eventi di formazione in presenza e online per la rete trade, come il webinar Guiness Lounge tuttora in corso.\r\n\r\n ","post_title":"Guiness Travel lancia la linea Young dedicata a chi ha tra i 25 e i 45 anni","post_date":"2024-03-13T09:27:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1710322045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463127","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Focus sul cicloturismo per la Spagna e con proposte, in particolare, mirate su Andalucia e della regione Valencia. In questo contesto l’Ente Spagnolo del Turismo a Milano-Turespaña con i due enti del turismo confermano la partecipazione come official partner della Milano-Sanremo.\r\n\r\nLa 115esima edizione della corsa avrà quest’anno una partenza inedita: il 16 marzo da Pavia, a piazza della Vittoria, per concludersi al consueto arrivo di via Roma a Sanremo, dopo 288 km. I due punti informativi, alla partenza e all’arrivo della corsa, sono il modo migliore per far conoscere agli amanti delle due ruote le tante offerte cicloturistiche della Spagna, tutti i percorsi e gli itinerari delle principali destinazioni spagnole e, in particolare, quelle dell’Andalusia e della Regione Valencia.\r\n\r\n“La Spagna è una destinazione di riefrimento per tutto lo sport – commenta Isabel Garaña, direttrice dell’Ente Spagnolo del Turismo di Milano – e in particolare per il cicloturismo, grazie alla sua diversità geografica, al buon clima e alla presenza di strade e itinerari adatti a tutti”.\r\n\r\nCento km di sentieri e 119 rutas ben segnalate: questo è ciò che offre agli amanti del cicloturismo della Regione di Valenciana, oltre a strutture e a servizi per chi vuole noleggiare le due ruote o ripararle. Anche la regione Andalusia punta sul cicloturismo con spazi protetti e con Transandalus, un tracciato circolare di oltre 2mila km con paesaggi sempre diversi, dalla montagna alla campagna, dalla spiaggia al deserto.\r\n\r\nAnche la Sierra Nevada, ma è tutta la Spagna a essere un Paese bike friendly con le sue 53 riserve della Biosfera, i 16 parchi nazionali e i tanti itinerari, primo tra tutti il Cammino di Santiago. Sui percorsi più importanti del Paese, così come sull’isola di Maiorca, alle Canarie e sui Pirenei, ci sono alberghi e alloggi pensati per chi si muove con le due ruote, servizi di noleggio e riparazione, videosorveglianza delle biciclette, aree per il lavaggio e persino menu speciali per sportivi.\r\n\r\nTra gli itinerari specifici ci sono le Vías Verdes, più di 3.200 km di antiche linee ferroviarie con 120 percorsi di differenti distanze; i Caminos Naturales, più di 10.300 km di sentieri naturalistici tra canali, vie della transumanza e cammini; gli itinerari EuroVelo, in particolare il numero 8 che va da Cadice ad Atene, con un percorso lungo circa 5.400 km. E poi sentieri e vie rurali tra cui il Cammino del Cid che attraversa Castiglia e León, Castiglia-La Mancia, Aragona e Comunità Valenciana. Infine, c’è anche il Canale di Castiglia, un’antica via di navigazione fluviale. \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Spagna partner della Milano-Sanremo: riflettori puntati sul cicloturismo","post_date":"2024-03-11T10:11:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710151893000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462500","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali.\r\n\r\nEventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante.\r\n\r\n«In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni\".\r\n\r\nMettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione.\r\n\r\nIl video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere.\r\n\r\nLa campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica.\r\n\r\nForever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy.\r\n\r\n[gallery ids=\"462510,462511,462512\"]","post_title":"AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati","post_date":"2024-02-29T14:00:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709215215000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462526","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. \"Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate\".\r\n\r\nE i costi, tutto sommato, sono contenuti. \"Meno di quanto si possa immaginare\", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: \"Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette\".\r\n\r\nE il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. \"Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni\".","post_title":"L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme","post_date":"2024-02-29T13:46:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709214375000]}]}}