29 November 2022

Monografia Andalucia

Monografia sull’Andalucia realizzata dal giornale Travel Quotidiano. Itinerari di viaggio proposti dall’ente del turismo spagnolo: vacanze al mare, viaggi culturali, vacanze nell’entroterra immersi nella natura, viaggi business, gastronomia locale e divertimenti.

Andalucia: un mondo sospeso, tra pianura e montagna, tra deserto e neve, tra cultura cristiana e cultura arabo-musulmana, tra Mar Mediterraneo e Oceano Atlantico.Pochi altri posti possono vantare una doppia dimensione come l’Andalucia, una delle 17 comunità autonome della Spagna, prima per popolazione, seconda per estensione.

Il viaggio proposto in Andalusia parte dal mare. Mille chilometri di costa, dalle calde e assolate spiagge mediterranee agli aggressivi litorali oceanici: il mare in Andalucia è sicuramente il luogo ideale per passare le vacanze.

La Monografia “Andalucia. Un mondo sospeso” propone un percorso che inizia da est, dalla piccola cittadina di San Juan de los Terreros – Costa de Almeria per poi proseguire verso Granada, la Costa Tropical e  la Costa del Sol, 150 chilometri di spiaggia in provincia di Malaga. E’ in questa zona che si concentrano maggiormente gli hotel della regione. Ogni spiaggia, ogni località è per gli spagnoli, sinonimo di mare ed estate.

Il viaggio prosegue verso l’interno a Ronda, una delle città più affascinanti dell’Andalucia che vanta la più antica plaza de toros di tutta la Spagna, per poi proseguire verso Gibilterra – Costa de la Luz nella provincia di Cadice: 200 chilometri di spiaggia fine e dorata che ne fanno il paradiso del windsurf.

E poi Almeria, città araba con un’interessante fortezza, Siviglia, la capitale patria del flamenco, Malaga capitale economica e culturale della Costa del Sol, Jaen piccolo capoluogo nel cuore interno del Paese, capitale mondiale dell’olio d’oliva, Cordova e Huelva, città industriale e portuale.

La Monografia Andalucia inoltre approfondisce la destinazione anche dal punto di vista dei viaggi business, dei viaggi legati alla cultura gastronomica e al divertimento.

andalucia.org

www.spain.info


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434137 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry a Siviglia per il gruppo Numa: il nuovo boutique hotel della compagnia, Prestigio, vanta quattro appartamenti situati in un edificio luminoso e ricco di colori del Ventesimo secolo, situato nel quartiere centrale e storico di San Bernardo. Il Numa Prestigio vanta inoltre un'ampia terrazza con vista panoramica e una piscina per rilassarsi. Gli appartamenti, dal design moderno e spazioso, hanno cucine attrezzate, bagni contemporanei e possono ospitare da quattro a sei persone. “Siviglia è una destinazione di grande richiamo per i turisti a livello nazionale e internazionale - spiega il co-fondatore e presidente del gruppo, Dimitri Chandogin -. Il clima ottimo quasi tutto l’anno dona alla città un fascino particolare. Siviglia è una destinazione cruciale per noi: per questo motivo abbiamo aperto questo nuovo boutique hotel”. Numa conta altri tre indirizzi nella destinazione andalusa, aperte a ottobre 2021: il Numa Soleá, situato nel vivace quartiere del Museo, oltre al Numa Molina e al Numa Jondo a Santa Cruz. [post_title] => Il gruppo Numa apre il Prestigio e sale a quota quattro a Siviglia [post_date] => 2022-11-15T11:05:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668510302000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433469 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Vogliamo ridestare un concreto dialogo interculturale con l'Europa e promuovere la nostra proposta turistica che muove da una storia millenaria per poi declinarsi in altri aspetti, dalla gastronomia alla natura". Rachid Chamoun, advisor del ministero del turismo del Libano per le relazioni internazionali (nella foto), sintetizza alcuni degli obiettivi della partecipazione del Paese alla 24a Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum. Una presenza che ha celebrato in primis la recente adesione del Libano all'Enlarged Partial Agreement delle Cultural Routes of the Council of Europe (Itinerari culturali del Consiglio d'Europa) "con quattro strade principali: la Phoenicians Route, la Legado Andalucía, la strada dei vini e quella degli ulivi. I 54 siti del patrimonio culturale del Libano ci consentono di proporre un'ampia gamma di scenari: aree interne e costiere, rurali e urbane; oltre ai cinque siti dichiarati patrimonio culturale Unesco". Chamoun sottolinea una volta di più la "necessità per l'economia del Paese di aprirsi al mondo" favorendo "lo scambio di idee ed esperienze nell'ottica di promuovere i siti e le destinazioni di grande valore archeologico, per aumentare le opportunità economiche e le ricadute occupazionali". Si comincia quindi proprio dal turismo: "Il Ministero libanese del Turismo ha istituito un sistema di Destination Management Organization per sviluppare il ruolo delle comunità locali, la creazione di posti di lavoro e di guide turistiche. Siamo desiderosi di stabilire partnership pubblico-privato reciprocamente vantaggiose. E nei nostri piani c'è sicuramente l'organizzazione di fam trip per i tour operator italiani e internazionali".  Intanto, "negli ultimi due mesi" il Paese ha totalizzato "oltre 1,5 milioni di arrivi che hanno generato un contributo all'economia di oltre 6 miliardi di dollari". [post_title] => Il Libano rilancia la promozione dopo l'ingresso fra le Cultural Routes of the Council of Europe [post_date] => 2022-11-03T14:26:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667485608000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433149 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finale Ligure nel 2022 ha scelto di presentarsi attraverso la campagna di comunicazione “My Perfect Place”, che ha messo al centro le persone finalesi e le loro storie. Un mensile online, un progetto fotografico e una web serie sono i tre strumenti principali della campagna corale della destinazione turistica. Attraverso le storie di persone vere, impegnate nella cura e nelle azioni rivolte alla tutela del patrimonio, del paesaggio, dell’ambiente e del territorio, Finale ha voluto affermare così il valore intrinseco al proprio prodotto turistico Nel progetto “Persone”, 30 scatti del fotografo Corrado Murlo, specializzato in ritratti e fotografia documentaristica e creativa, raccontano altrettante storie finalesi, per far emergere un’immagine a tratti inconsueta delle persone e del loro legame con il territorio. Ne è scaturita una mostra fotografica, reale, durante tutta la scorsa estate nei Chiostri di Santa Caterina, e virtuale, sempre visibile sul sito web VisitFinaleLigure.it. Agli scatti fotografici si collegano le storie dei protagonisti, pubblicate ogni mese sulla testata online “My Perfect Place”, ma anche la web serie “The Perfect Place”, realizzata da Artescienza per la regia di Samuele Wurtz, di cui si è appena conclusa la prima stagione. La campagna low-budget, che si è articolata principalmente su canali digital, ha saputo raggiungere obiettivi importanti. Sono sicuramente significativi i dati della comunicazione digitale, con la newsletter “My Perfect Place” che registra una media di apertura del 48.9%, il profilo Instagram Visit Finale che ha segnato un incremento del 2.153% nella copertura dei posti e del + 31% nelle visite e la pagina Facebook che ha conquistato +1.146% in copertura, + 417% in like e + 158% in visite. A curare la campagna “My Perfect Place”, commissionata dal Comune di Finale Ligure, è stata l’agenzia di comunicazione savonese Studiowiki, associata a UNA – Aziende della Comunicazione Unite e membro di DE.DE – Destination Design, la rete di imprese assegnataria del servizio di gestione turistica della destinazione Finale Ligure.   [post_title] => Finale Ligure, con My Perfect Place le storie e i volti protagonisti della promozione [post_date] => 2022-10-29T10:24:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667039067000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433215 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riparte il turismo e, con esso, la voglia di shopping tourism in Italia, con Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito tra i principali mercati internazionali per l’incoming del nostro Paese e una spesa media pro-capite giornaliera di 100 euro. È la fotografia scattata da Risposte Turismo e presentata oggi a Venezia nell’ambito della tappa inaugurale di Shopping Tourism – il forum italiano, appuntamento dedicato agli operatori dello shopping ideato dalla stessa Risposte Turismo e organizzato quest’anno in partnership con il sistema Confcommercio e con Mastercard e Land of Fashion Villages main sponsor. La nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor contiene quindi un’inedita indagine su un campione rappresentativo di 300 turisti stranieri (provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito), di cui la metà viaggiatori che hanno nello shopping la motivazione prevalente del viaggio. E tra i fattori che influenzano maggiormente la scelta della destinazione spiccano, dopo sconti, saldi e promozioni (60%), l’offerta commerciale della destinazione (34%), i servizi a disposizione (trasporti ma anche app dedicate e mappe, 32%), la vicinanza ad attrazione / luoghi da visitare (29%) e la presenza di produzioni tipiche/prodotti particolari o unici (27%). Tra le prime città menzionate quali mete in cui si sono realizzati i viaggi per shopping figura poi Milano assieme a Londra, New York e Parigi, mentre nelle città top of mind si inseriscono, oltre alle appena citate, anche Los Angeles, Barcellona, Madrid e Roma. Della parte del campione di intervistati riferita a chi dichiara di non aver mai viaggiato con lo shopping quale motivazione principale, il 14% ha indicato nel fare acquisti una delle attività prevalenti nel corso del soggiorno, dimostrando dunque la forza generale del binomio turismo e shopping tra la domanda. Focus Venezia Da un’ulteriore indagine effettuata su oltre 80 negozi a Venezia, tre clienti su quattro sono turisti e i livelli di vendita a fine anno saranno molto simili a quelli del 2019. Tra i viaggiatori stranieri maggiormente presenti nei negozi in città prevalgono gli statunitensi (32%), seguiti da francesi (25%), tedeschi (22%) e inglesi (8%). Inoltre, circa un terzo dei negozi intervistati sottolinea come, rispetto al 2019, le abitudini del turista siano cambiate: oggi si richiedono prodotti originali o personalizzati creati da artigiani locali e si vuole vivere nuove esperienze come quella di incontrare i produttori, così come si cerca l’ottimizzazione delle spedizioni di acquisti nei luoghi di vendita, sebbene una parte della clientela turistica esprima oggi un minore potere d’acquisto. Per quanto riguarda quindi le vendite ai turisti, nove negozianti su dieci sottolineano ottime prospettive per il 2023. Pur con un 64% di negozi che dispone di servizio e-commerce (prevalentemente tramite proprio sito), oltre sei su dieci puntano ancora sulla vendita in negozio. «Lo shopping tourism in Italia beneficia della ripresa dei viaggi, anche internazionali, con vantaggi per l’offerta commerciale delle destinazioni così come per altre componenti dei sistemi economici locali - ha sottolineato Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. Per sfruttare questa opportunità, gli operatori dovranno dimostrare di essere aggiornati e sensibili rispetto alle richieste e preferenze dei turisti, in particolare di quelli che si muovono proprio per fare acquisti nelle destinazioni visitate, e si aspettano di poter acquisire valore, in termini di conoscenza, informazioni, intrattenimento, dall’esperienza che vivranno. I primi risultati dello Shopping Tourism Italian Monitor hanno evidenziato come, in particolare nelle città meta di consistenti flussi turistici, i titolari di punti vendita, non solo quelli appartenenti a catene e grandi marchi, si stiano attrezzando al meglio per rispondere a queste richieste. Serve però uno sforzo in più, come sistema-destinazione, per inquadrare meglio questo fenomeno, comprenderne le potenzialità e adattare l’intera offerta ricettiva a questo segmento di domanda in crescita». [post_title] => Risposte Turismo: Milano meta preferita dello shopping tourism insieme a Londra, Parigi e New York [post_date] => 2022-10-28T13:21:29+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666963289000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431828 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I turisti italiani in Spagna nei primi otto mesi del 2022 hanno recuperato l'86% dei numeri pre-pandemia. Tra gennaio e agosto 2.721.503 di nostri connazionali si sono recati nel Paese, con un incremento del 224% sul 2021, 639.323 presenze nel solo mese di agosto. Numeri che confermano il ritorno a livello globale dei turisti stranieri in Spagna: 48,1 milioni negli otto mesi considerati. "Questi dati sono molto positivi - dichiara Isabel Garaña, Console aggiunto e direttrice dell’Ente Spagnolo del Turismo di Milano, alla II Convention di Turespaña - con l’incremento nel mese di agosto del 106,4% di presenze rispetto all’anno scorso. Spiccano, inoltre, i dati sulla spesa turistica degli italiani che fino ad agosto è arrivata quasi ai livelli dello stesso periodo del 2019 (oltre il 94%)». La spesa media giornaliera dei visitatori italiani è di 1.030 euro (148 euro al giorno) per un totale di 2.418.000 euro. Destinazione prediletta degli italiani è la Cataluña, seguita dalle Baleari, poi Canarie, Comunità Valenciana e Andalusia; infine Madrid. Dall’Italia è arrivato il 9,2% del totale dei viaggiatori in aereo, registrando così una crescita del 69,1%; nell’80% dei casi, inoltre, gli italiani hanno scelto le compagnie a basso costo. La durata della permanenza in Spagna dei turisti italiani in agosto è mediamente di 6,9 giorni. [post_title] => Spagna: oltre 2,7 milioni di turisti italiani nei primi otto mesi del 2022 [post_date] => 2022-10-07T09:25:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665134701000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431763 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono più di 14 mila i ragazzi e le ragazze che, in vacanza nelle strutture Bravo, questa estate hanno avuto la possibilità di coltivare le proprie passioni e di liberare il proprio talento nascosto. Con le Bravo Special Academy House of Talent, infatti, gli ospiti più giovani (9-14 anni) del brand di villaggi di Alpitour World hanno potuto intrattenersi con dei workshop di attività di ogni genere: tra lezioni di musica, di fotografia, di radio e di recitazione, non sono mancate nemmeno academy di TikTok e di street art. Molto apprezzata è stata l’opportunità di confrontarsi in prima persona con la crew di influencer di House of Talent, presente nelle strutture Bravo Alimini, Bravo Fantazia Resort e Bravo Viva Dominicus Beach. I numerosi partecipanti alle academy hanno potuto anche partecipare al casting Join the crew, ovvero le selezioni per entrare a far parte di House of Talent. Sono arrivate ben 500 candidature, e tra esse sono stati selezionati otto talentuosi ragazzi. Di questi, solo quattro verranno invitati a Milano nel mese di ottobre per un’ultima selezione, e soltanto una persona potrà coronare il suo sogno: diventare ufficialmente un membro della crew di influencer più famosa d’Italia. “Siamo entusiasti del progetto che abbiamo costruito insieme ad House of Talent - sottolinea Cecilia Ferraresi, Bravo marketing manager -. È stata un’estate incredibile in cui siamo riusciti a coinvolgere migliaia di teenager e a farli sentire parte di una vera e propria famiglia. L’obiettivo di far divertire i ragazzi in vacanza con i proprio genitori e di farli sperimentare quante più attività possibili alla ricerca del proprio talento è stato portato a casa con successo”.   [post_title] => Bravo Special Academy House of Talent: 14 mila i ragazzi coinvolti questa estate [post_date] => 2022-10-06T10:01:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665050517000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431492 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates prosegue l'attività di reclutamento di personale di bordo in Italia con quattro nuovi open day. Nelle prime due settimane di ottobre gli incontri si svolgeranno a Venezia, Milano, Roma e Firenze. Si comincia oggi, 3 ottobre, a Venezia (Hilton Garden Inn Venice Mestre San Giuliano), per continuare il 5 ottobre a Milano, presso il Best Western Plus Hotel Galles - P.za Lima 2; il 13 ottobre sarà la volta di Roma, al Bettoja Hotel Mediterraneo - Via Cavour 15; infine, il 15 ottobre, tappa a Firenze, NH Firenze - Piazza V.Veneto 4/a. Nell'ultimo anno, Emirates ha ripreso i voli verso diverse destinazioni globali dopo la ripresa del mercato. Quest’estate la compagnia aerea ha trasportato 10 milioni di passeggeri su quasi 35.000 voli verso 130 destinazioni. Gli interessati devono inviare una candidatura online con un curriculum vitae aggiornato in inglese e una fotografia recente e dovranno essere pronti a trascorrere l'intera giornata sul posto. Il personale di bordo Emirates rappresenta 160 nazionalità, che riflettono il mix di clienti e di mete in oltre 130 città in sei continenti, utilizzando una moderna flotta di oltre 200 velivoli wide-body. [post_title] => Emirates: quattro nuove tappe in Italia per la selezione di personale di bordo [post_date] => 2022-10-03T09:35:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664789706000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431625 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Ufficio cultura e informazioni dell'Ambasciata di Turkye ha presentato Ittiti, una civiltà riscoperta, la monografia della rivista di divulgazione archeologica Archeo. Una civiltà nata fra i monti nell'Anatolia, nel cuore dell'odierna Turchia, e diventata protagonista di una intensa ricerca archeologica. Negli ultimi anni, in particolare, la comunità scientifica internazionale ha evidenziato importanti scoperte che hanno confermato il ruolo centrale di questa popolazione nella storia e che arricchiranno sicuramente il prodotto turistico della destinazione Turchia di nuove opportunità. "Questo è un evento molto importante di collegamento tra la Turchia e l'Italia, due Paesi che vantano un patrimonio culturale importante  - ha detto Gokhan Yazgi, direttore generale per i Beni Culturali e Musei del Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turkye -. Gli scienziati e gli archeologi hanno lavorato intensamente sulla civiltà ittita e molto altro sarà fatto in futuro". "Attraverso la nostra monografia - ha spiegato Andrea Steiner, direttore di Archeo -  offriamo al grande pubblico, per la prima volta a livello italiano e forse anche europeo, la possibilità di conoscere meglio gli Ittiti, una civiltà che offre ancora molti aspetti da indagare e che sta impegnando la comunità scientifica internazionale". Tra gli illustri ospiti che hanno preso parte all'evento, anche Rıza Haluk Söner, direttore dell'Ufficio Cultura e Informazioni dell'Ambasciata di Turkiye, Silvia Alaura del CNR, Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale, Massimiliano Marazzi dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Stefano De Martino dell'Università di Torino.         [post_title] => La Turchia presenta gli Ittiti, "una civiltà riscoperta" [post_date] => 2022-10-01T17:26:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664645160000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385945" align="alignleft" width="300"] Francesco Calia[/caption] Rimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena. Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%. Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale  A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%). Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort “In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.” [post_title] => Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano [post_date] => 2022-09-29T11:31:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664451088000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia andalucia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":28,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":92,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434137","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry a Siviglia per il gruppo Numa: il nuovo boutique hotel della compagnia, Prestigio, vanta quattro appartamenti situati in un edificio luminoso e ricco di colori del Ventesimo secolo, situato nel quartiere centrale e storico di San Bernardo. Il Numa Prestigio vanta inoltre un'ampia terrazza con vista panoramica e una piscina per rilassarsi. Gli appartamenti, dal design moderno e spazioso, hanno cucine attrezzate, bagni contemporanei e possono ospitare da quattro a sei persone.\r\n\r\n“Siviglia è una destinazione di grande richiamo per i turisti a livello nazionale e internazionale - spiega il co-fondatore e presidente del gruppo, Dimitri Chandogin -. Il clima ottimo quasi tutto l’anno dona alla città un fascino particolare. Siviglia è una destinazione cruciale per noi: per questo motivo abbiamo aperto questo nuovo boutique hotel”. Numa conta altri tre indirizzi nella destinazione andalusa, aperte a ottobre 2021: il Numa Soleá, situato nel vivace quartiere del Museo, oltre al Numa Molina e al Numa Jondo a Santa Cruz.","post_title":"Il gruppo Numa apre il Prestigio e sale a quota quattro a Siviglia","post_date":"2022-11-15T11:05:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668510302000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433469","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Vogliamo ridestare un concreto dialogo interculturale con l'Europa e promuovere la nostra proposta turistica che muove da una storia millenaria per poi declinarsi in altri aspetti, dalla gastronomia alla natura\". Rachid Chamoun, advisor del ministero del turismo del Libano per le relazioni internazionali (nella foto), sintetizza alcuni degli obiettivi della partecipazione del Paese alla 24a Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum.\r\n\r\nUna presenza che ha celebrato in primis la recente adesione del Libano all'Enlarged Partial Agreement delle Cultural Routes of the Council of Europe (Itinerari culturali del Consiglio d'Europa) \"con quattro strade principali: la Phoenicians Route, la Legado Andalucía, la strada dei vini e quella degli ulivi. I 54 siti del patrimonio culturale del Libano ci consentono di proporre un'ampia gamma di scenari: aree interne e costiere, rurali e urbane; oltre ai cinque siti dichiarati patrimonio culturale Unesco\".\r\n\r\nChamoun sottolinea una volta di più la \"necessità per l'economia del Paese di aprirsi al mondo\" favorendo \"lo scambio di idee ed esperienze nell'ottica di promuovere i siti e le destinazioni di grande valore archeologico, per aumentare le opportunità economiche e le ricadute occupazionali\". Si comincia quindi proprio dal turismo: \"Il Ministero libanese del Turismo ha istituito un sistema di Destination Management Organization per sviluppare il ruolo delle comunità locali, la creazione di posti di lavoro e di guide turistiche. Siamo desiderosi di stabilire partnership pubblico-privato reciprocamente vantaggiose. E nei nostri piani c'è sicuramente l'organizzazione di fam trip per i tour operator italiani e internazionali\". \r\n\r\nIntanto, \"negli ultimi due mesi\" il Paese ha totalizzato \"oltre 1,5 milioni di arrivi che hanno generato un contributo all'economia di oltre 6 miliardi di dollari\".","post_title":"Il Libano rilancia la promozione dopo l'ingresso fra le Cultural Routes of the Council of Europe","post_date":"2022-11-03T14:26:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1667485608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433149","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Finale Ligure nel 2022 ha scelto di presentarsi attraverso la campagna di comunicazione “My Perfect Place”, che ha messo al centro le persone finalesi e le loro storie.\r\n\r\nUn mensile online, un progetto fotografico e una web serie sono i tre strumenti principali della campagna corale della destinazione turistica. Attraverso le storie di persone vere, impegnate nella cura e nelle azioni rivolte alla tutela del patrimonio, del paesaggio, dell’ambiente e del territorio, Finale ha voluto affermare così il valore intrinseco al proprio prodotto turistico\r\n\r\nNel progetto “Persone”, 30 scatti del fotografo Corrado Murlo, specializzato in ritratti e fotografia documentaristica e creativa, raccontano altrettante storie finalesi, per far emergere un’immagine a tratti inconsueta delle persone e del loro legame con il territorio. Ne è scaturita una mostra fotografica, reale, durante tutta la scorsa estate nei Chiostri di Santa Caterina, e virtuale, sempre visibile sul sito web VisitFinaleLigure.it.\r\n\r\nAgli scatti fotografici si collegano le storie dei protagonisti, pubblicate ogni mese sulla testata online “My Perfect Place”, ma anche la web serie “The Perfect Place”, realizzata da Artescienza per la regia di Samuele Wurtz, di cui si è appena conclusa la prima stagione.\r\n\r\nLa campagna low-budget, che si è articolata principalmente su canali digital, ha saputo raggiungere obiettivi importanti. Sono sicuramente significativi i dati della comunicazione digitale, con la newsletter “My Perfect Place” che registra una media di apertura del 48.9%, il profilo Instagram Visit Finale che ha segnato un incremento del 2.153% nella copertura dei posti e del + 31% nelle visite e la pagina Facebook che ha conquistato +1.146% in copertura, + 417% in like e + 158% in visite.\r\n\r\nA curare la campagna “My Perfect Place”, commissionata dal Comune di Finale Ligure, è stata l’agenzia di comunicazione savonese Studiowiki, associata a UNA – Aziende della Comunicazione Unite e membro di DE.DE – Destination Design, la rete di imprese assegnataria del servizio di gestione turistica della destinazione Finale Ligure.\r\n\r\n ","post_title":"Finale Ligure, con My Perfect Place le storie e i volti protagonisti della promozione","post_date":"2022-10-29T10:24:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1667039067000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433215","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riparte il turismo e, con esso, la voglia di shopping tourism in Italia, con Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito tra i principali mercati internazionali per l’incoming del nostro Paese e una spesa media pro-capite giornaliera di 100 euro. È la fotografia scattata da Risposte Turismo e presentata oggi a Venezia nell’ambito della tappa inaugurale di Shopping Tourism – il forum italiano, appuntamento dedicato agli operatori dello shopping ideato dalla stessa Risposte Turismo e organizzato quest’anno in partnership con il sistema Confcommercio e con Mastercard e Land of Fashion Villages main sponsor.\r\n\r\nLa nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor contiene quindi un’inedita indagine su un campione rappresentativo di 300 turisti stranieri (provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito), di cui la metà viaggiatori che hanno nello shopping la motivazione prevalente del viaggio. E tra i fattori che influenzano maggiormente la scelta della destinazione spiccano, dopo sconti, saldi e promozioni (60%), l’offerta commerciale della destinazione (34%), i servizi a disposizione (trasporti ma anche app dedicate e mappe, 32%), la vicinanza ad attrazione / luoghi da visitare (29%) e la presenza di produzioni tipiche/prodotti particolari o unici (27%). Tra le prime città menzionate quali mete in cui si sono realizzati i viaggi per shopping figura poi Milano assieme a Londra, New York e Parigi, mentre nelle città top of mind si inseriscono, oltre alle appena citate, anche Los Angeles, Barcellona, Madrid e Roma. Della parte del campione di intervistati riferita a chi dichiara di non aver mai viaggiato con lo shopping quale motivazione principale, il 14% ha indicato nel fare acquisti una delle attività prevalenti nel corso del soggiorno, dimostrando dunque la forza generale del binomio turismo e shopping tra la domanda.\r\n\r\nFocus Venezia\r\n\r\nDa un’ulteriore indagine effettuata su oltre 80 negozi a Venezia, tre clienti su quattro sono turisti e i livelli di vendita a fine anno saranno molto simili a quelli del 2019. Tra i viaggiatori stranieri maggiormente presenti nei negozi in città prevalgono gli statunitensi (32%), seguiti da francesi (25%), tedeschi (22%) e inglesi (8%). Inoltre, circa un terzo dei negozi intervistati sottolinea come, rispetto al 2019, le abitudini del turista siano cambiate: oggi si richiedono prodotti originali o personalizzati creati da artigiani locali e si vuole vivere nuove esperienze come quella di incontrare i produttori, così come si cerca l’ottimizzazione delle spedizioni di acquisti nei luoghi di vendita, sebbene una parte della clientela turistica esprima oggi un minore potere d’acquisto. Per quanto riguarda quindi le vendite ai turisti, nove negozianti su dieci sottolineano ottime prospettive per il 2023. Pur con un 64% di negozi che dispone di servizio e-commerce (prevalentemente tramite proprio sito), oltre sei su dieci puntano ancora sulla vendita in negozio.\r\n\r\n«Lo shopping tourism in Italia beneficia della ripresa dei viaggi, anche internazionali, con vantaggi per l’offerta commerciale delle destinazioni così come per altre componenti dei sistemi economici locali - ha sottolineato Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. Per sfruttare questa opportunità, gli operatori dovranno dimostrare di essere aggiornati e sensibili rispetto alle richieste e preferenze dei turisti, in particolare di quelli che si muovono proprio per fare acquisti nelle destinazioni visitate, e si aspettano di poter acquisire valore, in termini di conoscenza, informazioni, intrattenimento, dall’esperienza che vivranno. I primi risultati dello Shopping Tourism Italian Monitor hanno evidenziato come, in particolare nelle città meta di consistenti flussi turistici, i titolari di punti vendita, non solo quelli appartenenti a catene e grandi marchi, si stiano attrezzando al meglio per rispondere a queste richieste. Serve però uno sforzo in più, come sistema-destinazione, per inquadrare meglio questo fenomeno, comprenderne le potenzialità e adattare l’intera offerta ricettiva a questo segmento di domanda in crescita».","post_title":"Risposte Turismo: Milano meta preferita dello shopping tourism insieme a Londra, Parigi e New York","post_date":"2022-10-28T13:21:29+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1666963289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431828","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I turisti italiani in Spagna nei primi otto mesi del 2022 hanno recuperato l'86% dei numeri pre-pandemia. Tra gennaio e agosto 2.721.503 di nostri connazionali si sono recati nel Paese, con un incremento del 224% sul 2021, 639.323 presenze nel solo mese di agosto. Numeri che confermano il ritorno a livello globale dei turisti stranieri in Spagna: 48,1 milioni negli otto mesi considerati.\r\n\r\n\"Questi dati sono molto positivi - dichiara Isabel Garaña, Console aggiunto e direttrice dell’Ente Spagnolo del Turismo di Milano, alla II Convention di Turespaña - con l’incremento nel mese di agosto del 106,4% di presenze rispetto all’anno scorso. Spiccano, inoltre, i dati sulla spesa turistica degli italiani che fino ad agosto è arrivata quasi ai livelli dello stesso periodo del 2019 (oltre il 94%)». La spesa media giornaliera dei visitatori italiani è di 1.030 euro (148 euro al giorno) per un totale di 2.418.000 euro.\r\n\r\nDestinazione prediletta degli italiani è la Cataluña, seguita dalle Baleari, poi Canarie, Comunità Valenciana e Andalusia; infine Madrid. Dall’Italia è arrivato il 9,2% del totale dei viaggiatori in aereo, registrando così una crescita del 69,1%; nell’80% dei casi, inoltre, gli italiani hanno scelto le compagnie a basso costo. La durata della permanenza in Spagna dei turisti italiani in agosto è mediamente di 6,9 giorni.","post_title":"Spagna: oltre 2,7 milioni di turisti italiani nei primi otto mesi del 2022","post_date":"2022-10-07T09:25:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1665134701000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431763","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono più di 14 mila i ragazzi e le ragazze che, in vacanza nelle strutture Bravo, questa estate hanno avuto la possibilità di coltivare le proprie passioni e di liberare il proprio talento nascosto. Con le Bravo Special Academy House of Talent, infatti, gli ospiti più giovani (9-14 anni) del brand di villaggi di Alpitour World hanno potuto intrattenersi con dei workshop di attività di ogni genere: tra lezioni di musica, di fotografia, di radio e di recitazione, non sono mancate nemmeno academy di TikTok e di street art. Molto apprezzata è stata l’opportunità di confrontarsi in prima persona con la crew di influencer di House of Talent, presente nelle strutture Bravo Alimini, Bravo Fantazia Resort e Bravo Viva Dominicus Beach.\r\n\r\nI numerosi partecipanti alle academy hanno potuto anche partecipare al casting Join the crew, ovvero le selezioni per entrare a far parte di House of Talent. Sono arrivate ben 500 candidature, e tra esse sono stati selezionati otto talentuosi ragazzi. Di questi, solo quattro verranno invitati a Milano nel mese di ottobre per un’ultima selezione, e soltanto una persona potrà coronare il suo sogno: diventare ufficialmente un membro della crew di influencer più famosa d’Italia.\r\n\r\n“Siamo entusiasti del progetto che abbiamo costruito insieme ad House of Talent - sottolinea Cecilia Ferraresi, Bravo marketing manager -. È stata un’estate incredibile in cui siamo riusciti a coinvolgere migliaia di teenager e a farli sentire parte di una vera e propria famiglia. L’obiettivo di far divertire i ragazzi in vacanza con i proprio genitori e di farli sperimentare quante più attività possibili alla ricerca del proprio talento è stato portato a casa con successo”.\r\n\r\n ","post_title":"Bravo Special Academy House of Talent: 14 mila i ragazzi coinvolti questa estate","post_date":"2022-10-06T10:01:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665050517000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431492","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates prosegue l'attività di reclutamento di personale di bordo in Italia con quattro nuovi open day. Nelle prime due settimane di ottobre gli incontri si svolgeranno a Venezia, Milano, Roma e Firenze.\r\nSi comincia oggi, 3 ottobre, a Venezia (Hilton Garden Inn Venice Mestre San Giuliano), per continuare il 5 ottobre a Milano, presso il Best Western Plus Hotel Galles - P.za Lima 2; il 13 ottobre sarà la volta di Roma, al Bettoja Hotel Mediterraneo - Via Cavour 15; infine, il 15 ottobre, tappa a Firenze, NH Firenze - Piazza V.Veneto 4/a.\r\nNell'ultimo anno, Emirates ha ripreso i voli verso diverse destinazioni globali dopo la ripresa del mercato. Quest’estate la compagnia aerea ha trasportato 10 milioni di passeggeri su quasi 35.000 voli verso 130 destinazioni.\r\nGli interessati devono inviare una candidatura online con un curriculum vitae aggiornato in inglese e una fotografia recente e dovranno essere pronti a trascorrere l'intera giornata sul posto. Il personale di bordo Emirates rappresenta 160 nazionalità, che riflettono il mix di clienti e di mete in oltre 130 città in sei continenti, utilizzando una moderna flotta di oltre 200 velivoli wide-body.","post_title":"Emirates: quattro nuove tappe in Italia per la selezione di personale di bordo","post_date":"2022-10-03T09:35:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664789706000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431625","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Ufficio cultura e informazioni dell'Ambasciata di Turkye ha presentato Ittiti, una civiltà riscoperta, la monografia della rivista di divulgazione archeologica Archeo.\r\n\r\nUna civiltà nata fra i monti nell'Anatolia, nel cuore dell'odierna Turchia, e diventata protagonista di una intensa ricerca archeologica. Negli ultimi anni, in particolare, la comunità scientifica internazionale ha evidenziato importanti scoperte che hanno confermato il ruolo centrale di questa popolazione nella storia e che arricchiranno sicuramente il prodotto turistico della destinazione Turchia di nuove opportunità.\r\n\r\n\"Questo è un evento molto importante di collegamento tra la Turchia e l'Italia, due Paesi che vantano un patrimonio culturale importante  - ha detto Gokhan Yazgi, direttore generale per i Beni Culturali e Musei del Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turkye -. Gli scienziati e gli archeologi hanno lavorato intensamente sulla civiltà ittita e molto altro sarà fatto in futuro\".\r\n\r\n\"Attraverso la nostra monografia - ha spiegato Andrea Steiner, direttore di Archeo -  offriamo al grande pubblico, per la prima volta a livello italiano e forse anche europeo, la possibilità di conoscere meglio gli Ittiti, una civiltà che offre ancora molti aspetti da indagare e che sta impegnando la comunità scientifica internazionale\".\r\n\r\nTra gli illustri ospiti che hanno preso parte all'evento, anche Rıza Haluk Söner, direttore dell'Ufficio Cultura e Informazioni dell'Ambasciata di Turkiye, Silvia Alaura del CNR, Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale, Massimiliano Marazzi dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Stefano De Martino dell'Università di Torino.\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Turchia presenta gli Ittiti, \"una civiltà riscoperta\"","post_date":"2022-10-01T17:26:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664645160000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385945\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Calia[/caption]\r\n\r\nRimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.\r\n\r\nLusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda\r\n\r\nE’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.\r\n\r\nTariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale \r\n\r\nA livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).\r\n\r\nOltre alle grandi città bene anche il segmento resort\r\n\r\n“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”","post_title":"Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano","post_date":"2022-09-29T11:31:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664451088000]}]}}